Un’innovativa stampante 3D al servizio del Competence Center Bi-Rex

Condividi

Da quando il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT) ha istituito i Competence Center nel quadro del Piano Industria 4.0, sono state inaugurate otto diverse sedi operative. Bi-Rex è una di queste: di tipo pubblico-privato, questo consorzio è nato nel 2018 a Bologna e riunisce in partenariato 60 tra università, centri di ricerca e imprese d’eccellenza.

Il team del Competence Center Bi-Rex di Bologna (foto: Giacomo Maestri)

Pur essendo focalizzato sui big data (il nome è infatti l’acronimo di: Big data innovation and Research Excellence), Bi-Rex è attivo anche nei settori dello smart manufacturing, della robotica e dell’additive manufacturing, grazie alla presenza della propria linea pilota: fabbrica digitale del futuro dove le nuove tecnologie Industria 4.0 sono integrate con quelle tradizionali in un ambiente digitalmente interconnesso. E proprio con l’additive manufacturing sono arrivate alcune delle principali soddisfazioni per il consorzio, in particolare grazie all’acquisto nel 2023 della stampante Origin One da Energy Group, società del gruppo SolidWorld e “platinum partner di Stratasys”, con sede a pochi chilometri da Bologna.

Origin One sfrutta la tecnologia P3, evoluzione del DLP

Commercializzata in Italia da Energy Group, la stampante 3D Origin One di Stratasys ha permesso a Bi-Rex di raggiungere significativi traguardi nella produzione di particolari di varia tipologia, utilizzando diversi materiali

La tecnologia alla base di Origin One è un’evoluzione del Digital Light Processing (DLP) e, nello specifico, la Programmable PhotoPolymerization, o P3. Nel processo si usano controlli pneumatici che riducono le forze di trazione durante la stampa, garantendo così la massima qualità delle superfici senza compromettere la velocità di stampa o l’isotropia della parte realizzata. Ed è anche grazie a quest’innovativo processo che Bi-Rex ha contribuito al successo di diversi progetti.

Con Origin One sono stati infatti realizzati stampi per iniezione di silicone, così come particolari case per l’alloggiamento di schede elettroniche. Interessanti anche le applicazioni di ricerca pura, come quelle svolte nell’ambito della microfluidica. La stampa 3D è, d’altronde, una tecnologia con applicazioni e casi d’uso potenzialmente illimitati e in Bi-Rex non sono mancati i test puramente estetici e la produzione di elementi decorativi.

“La macchina ci ha consentito di realizzare progetti importanti, ottenendo geometrie molto complesse con un’ottima finitura”, dichiara Alessandro Barraco, additive manufacturing process engineer di Bi-Rex. “Grazie al fondamentale supporto di Energy Group nella gestione della tecnologia siamo riusciti a ottenere il miglior risultato possibile. L’acquisizione della Origin One ci ha consentito di ampliare il portafoglio servizi nei confronti dei nostri clienti in ambito additive e di consolidare la preziosa partnership con Energy Group, volta a supportare i processi di innovazione tecnologica del nostro tessuto industriale”. 

La stampa 3D in produzione, dall’idea al risultato

Articoli ottenuti con differenti progetti e materiali grazie alla stampante Origin One, che sfrutta un’evoluzione della tecnologia DLP (Digital Light Processing)

La richiesta di aziende e centri di ricerca nei confronti delle stampanti 3D verte sostanzialmente su tre necessità: precisione, produttività e materiali utilizzabili. Origin One dà una risposta concreta a ciascuna di esse. Si tratta infatti di una macchina che, utilizzando resina liquida, è in grado di stampare particolari con un’accuratezza fino a 50 μm, paragonabile a quella ottenibile con tecnologie produttive tradizionali. La velocità di stampa è ragguardevole: Origin One assicura uno dei migliori rapporti tempo/parte stampata della categoria, grazie alla possibilità di impilare i pezzi e alla breve post polimerizzazioneUV (5-15 minuti per gran parte dei materiali).

E, a proposito di materiali, grazie alla collaborazione con le più grandi aziende chimiche a livello mondiale (fra cui Basf, Henkel e DSM), Stratasys offre la soluzione giusta per stampare con tutti i principali materiali ad alte prestazioni, dai più resistenti tecnopolimeri agli elastomeri, inclusi FST ed ESD.


Sfoglia la rivista

  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Esplorando i polimeri: il polipropilene

Prosegue il viaggio nel vasto e variegato mondo dei polimeri, che ci porterà alla scoperta delle proprietà uniche di ogni materiale, delle sue applicazioni specifiche,

Ambiente

Un’alleanza contro i “falsi compostabili”

Condividere dati e informazioni per migliorare le attività di controllo e contrasto alla diffusione di falsi bioshopper e imballaggi in plastica non compostabile: è questo

Ambiente

Ambiente: dire, fare, certificare

La società Sarno Display ha fatto del rispetto per l’ambiente, il territorio e le persone la sua cifra distintiva, mettendo in atto un’azione sistematica in