TPE con contenuto di riciclato per l’adesione in costampaggio

Condividi

Per la prima volta gli utilizzatori degli elastomeri termoplastici di Kraiburg TPE potranno usufruire di vari compound con percentuali di riciclato notevolmente maggiori rispetto al passato. Questi ultimi, provenienti da flussi di rifiuti post industriali e/o post consumo, coprono ora l’intera gamma di durezze (anche basse ShA) e presentano soprattutto una buona adesione in costampaggio a PA, PC/ABS o PP.

Compound da fonti riciclate PIR o PCR

Eugen Andert, project manager Advance Development di Kraiburg TPE

Il produttore globale di TPE custom-engineered ha infatti annunciato il lancio sul mercato di nuovi compound della gamma Thermolast R che, a differenza della maggior parte dei prodotti già consolidati, sono caratterizzati da un contenuto di materie prime da riciclato superiore al 70%, anche nei materiali con una ridotta durezza Shore A. Tali materiali rappresentano un importante passo avanti nello sviluppo di compound innovativi anche per l’adesione a polimeri diversi.

Con questo lancio, Kraiburg TPE risponde alla crescente domanda del mercato di materiali più ecologici con contenuto di materie prime da fonti riciclate post industriali (PIR) e/o post consumo (PCR).

Oltre a consentire ai clienti di raggiungere gli obiettivi previsti in termini di sostenibilità, i nuovi ed efficienti compound sono concepiti appositamente per soddisfare le esigenze dei vari settori e segmenti di mercato e possono aderire in costampaggio a PA, PC/ABS e PP. Questa combinazione di proprietà destinate allo stampaggio di prodotti mono, bi o multicomponente, abbinata all’elevata percentuale di contenuto di riciclato, è una novità assoluta nell’offerta di Kraiburg TPE.

I nuovi TPE in sintesi

Grazie ai suoi elastomeri termoplastici con elevato contenuto di riciclato, Kraiburg TPE contribuisce al raggiungimento di ambiziosi obiettivi di sostenibilità per progetti altamente tecnologici

Gli elastomeri termoplastici con contenuto di riciclato per adesione alle poliammidi (PA)sono i primi TPE con una percentuale di PCR e PIR tra il 43 e il 60%, a seconda della durezza. Possono essere impiegati in una vasta gamma d’applicazioni per parti bicomponente con PA e sono disponibili in varie durezze, da 40 a 90 Shore A.

I TPE con riciclato per l’adesione ai copolimeri PC/ABS possiedono invece un contenuto di materie prime PIR e PCR tra il 42 e il 54%, a seconda della durezza. Si prestano a una vasta gamma di applicazioni multicomponente che richiedono adesione ad ABS, PC o ad altri materiali termoplastici polari. Sono disponibili in varie durezze, da 40 a 70 Shore A.

Gli Universal PCR TPE di nuova generazione, infine, sono disponibili con un contenuto di materie prime riciclate fino al 79%. Questi compound offrono svariate opzioni d’impiego per le applicazioni che richiedono adesione al polipropilene (PP). Sono disponibili in un’ampia gamma di durezze da 30 a 90 Shore A e, grazie alle alte percentuali di materiale sostenibile, rappresentano l’evoluzione dei compound Universal PCR lanciati nel 2022.

Queste tre tipologie di compound garantiscono inoltre qualità affidabile e disponibilità immediata, nonché un’ampia possibilità di colorazione: sono disponibili con colore naturale, ma possono anche essere pigmentati in vari modi, a seconda delle richieste e delle esigenze dell’utilizzatore. Tale colorabilità consente anche la massima flessibilità di progettazione.

Soluzioni pronte all’uso

Con i “Recycling Content TPE”, Kraiburg TPE si rivolge soprattutto ai designer, agli ingegneri e ai product manager dei vari segmenti dell’industria, con particolare riguardo al settore elettrico ed elettronico (E&E). In ambito “consumer” sono indicati per realizzare varie applicazioni d’uso domestico, sportivo e ricreativo, includendo impugnature ed elementi ammortizzanti.

“Con i TPE con contenuto di riciclato contribuiamo al raggiungimento di ambiziosi obiettivi di sostenibilità per progetti altamente tecnologici. Completiamo inoltre il processo di riciclo e ci assumiamo le nostre responsabilità nei confronti dell’ambiente e delle generazioni future”, riassume Eugen Andert, project manager Advance Development di Kraiburg TPE. Il posizionamento sul mercato di questi compound è chiaramente orientato alla sostenibilità e alla preservazione delle risorse. Con l’impiego di questi materiali, infatti, i trasformatori possono ridurre efficacemente l’impronta di CO2 dei loro prodotti finali, garantendo contemporaneamente soluzioni durature. Andert ha tenuto infine a sottolineare il fatto che la nuova linea di prodotti è disponibile da subito.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare