KraussMaffei rafforza la presenza in Italia

Quando un’azienda ha ben chiari i propri obiettivi e come portarli a termine, avvalendosi di una struttura solida e ben organizzata, non ci sono crisi globali o incertezze che tengano. È questo il caso di KraussMaffei, il costruttore tedesco di presse a iniezione, linee di estrusione e impianti per la trasformazione chimica dei polimeri, che ieri ha inaugurato, ad Arese, la nuova filiale italiana in affiancamento alla storica sede di Abbiategrasso, attiva dal 2002.

Fino al 24 giugno, l’azienda aprirà i nuovi spazi ai visitatori che potranno toccare con mano, all’interno della show room dedicata, una selezione delle principali proposte tecnologiche dell’azienda.

Un rinnovamento su più fronti

L’apertura della nuova sede italiana rappresenta una tappa importante nella strategia evolutiva di KraussMaffei e che ha nel progetto M.I.N.D. il suo punto cardine. Partito nel 2019, questo piano ha lo scopo di unificare tutta l’offerta tecnologica in due divisioni snelle e moderne:

  • New Machine (NM), focalizzata vendita delle nuove tecnologie;
  • DSS, dedicata ai servizi di post-vendita e fornitura di parti di ricambio.

A livello più ampio il rinnovamento coinvolge, dopo 184 anni, anche la storica sede di Parsdorf, a Monaco, che verrà sostituita da un nuovo edificio ad Hannover. La struttura ospiterà, già dall’estate 2022, il più grande laboratorio sperimentale in Europa dedicato al mondo dell’estrusione, all’interno del quale i clienti potranno effettuare prove di formulazione e test di prodotti.

Durante la conferenza stampa di presentazione della nuova sede italiana, aperta dal CEO Tiziano Caprara, è stato il Vice President EMEA di KraussMaffei, Tobias Daniel, a sottolineare il legame a doppio filo tra Italia e Germania: «Il progetto di ampliamento della presenza di KraussMaffei in Italia è nato due anni fa, quando insieme a Tiziano Caprara e ci siamo trovati in perfetta sintonia sulla volontà di rafforzare la presenza di KraussMaffei in quello che è, di fatto, il secondo mercato europeo dopo quello tedesco per numero di macchinari venduti per anno».

Le novità non riguardano solo le strutture ma anche il team, fortemente rinnovato a livello tecnico, amministrativo e di front-sales. Nuova linfa, che si aggiunge a personalità di esperienza già presenti in azienda, per affrontare le crescenti sfide del mercato. Un mercato che nel 2021 si è dimostrato comunque molto ricettivo rispetto alle proposte di KraussMaffei, se è vero che il gruppo ha fatturato 1.290 miliardi di euro di ordini, con un +42,3%.

Progetti futuri

Oltre alla consolidata gamma di prodotti e tecnologie per il settore, sono state preannunciate anche due novità tecnologiche che saranno svelate in anteprima alla fiera K di Dusseldorf in programma dal 19 al 26 ottobre prossimi.

“Posso dire che in quell’occasione KraussMaffei svelerà due nuove proposte in ambito presse a iniezione ed estrusione, che vanno incontro alle necessità di innovazione richieste dal mercato”, ha dichiarato in conclusione Caprara. “Nonostante le situazioni di incertezze e crisi globali il settore ha risposto bene, con richieste crescenti. Sono perciò moderatamente ottimista anche sul futuro, e gli ulteriori investimenti di KraussMaffei nel nostro paese ne sono la riprova”.