Carrelli in plastica rigenerata ad alte prestazioni… anche in curva

Condividi

Fino a oggi, i progettisti sono stati spesso costretti a utilizzare soluzioni sovradimensionate, con caratteristiche meccaniche e prestazioni non necessarie, anche per le applicazioni più semplici, come il posizionamento di un monitor pubblicitario o la regolazione di una pinza in un distributore automatico. “Proprio per queste applicazioni igus ha messo a punto una nuova serie di guide lineari entry-level molto economica, denominata drylin econ”, spiega Edoardo Rivolta, product manager per i sistemi lineari drylin in igus Italia. “La soluzione ideale per semplici operazioni di regolazione e posizionamento, anche su guide curve”.

Costi ridotti dell’80% per i carrelli lineari

Edoardo Rivolta, product manager per i sistemi lineari drylin in igus Italia

La nuova serie drylin econ rappresenta un’alternativa più economica rispetto alle precedenti guide lineari igus della serie drylin. I carrelli non sono in acciaio o in alluminio lavorato su macchina, ma sono stampati a iniezione utilizzando plastica rigenerata ad alte prestazioni. “Produrre volumi molto elevati in un unico step permette di ridurre i costi fino all’80% (da 134 a 25 euro per un carrello lineare di dimensioni 0630), con un risparmio significativo per i progettisti”, dichiara Rivolta.

Inoltre, i carrelli drylin econ assicurano notevoli vantaggi anche in fase di funzionamento, in quanto non richiedono alcuna manutenzione. Ciò grazie ai microscopici lubrificanti solidi incorporati nella plastica ad alte prestazioni delle boccole su cui si sposta il carrello. A differenza dei classici cuscinetti volventi, queste unità consentono il funzionamento a secco, senza lubrificazione, contribuendo ad abbattere tempi di manutenzione e costi dei materiali. Vantaggi che si estendono anche ai sistemi dove vengono installati questi prodotti, che risultano più economici e interessanti. Senza contare che queste soluzioni sono eccezionalmente leggere. “drylin econ utilizza plastica e alluminio, l’ideale per costruzioni e design ultraleggeri”, aggiunge Rivolta.

Un carrello che scorre agevolmente in curva

I nuovi carrelli entry-level della serie drylin eco consentono di eseguire spostamenti anche lungo le curve

Questi nuovi carrelli consentono persino gli spostamenti lungo le curve. Sono, infatti, compatibili con tutte le tipologie di guide lineari prodotte da igus in alluminio anodizzato, sia rettilinee sia curve, che permettono di realizzare curve convesse e concave e movimenti in quarti, semicerchi e cerchi completi. I cuscinetti in polimero per i carrelli per guide curve si adattano alla geometria della guida grazie alle sfere. “I movimenti sono fluidi, silenziosi e privi di ondeggiamenti anche nelle curve”, afferma Rivolta. “Questo aspetto è particolarmente importante, per esempio, nei distributori automatici, che spesso sono installati in luoghi pubblici e devono funzionare nel modo più discreto possibile”.

Realizzati con scarti di produzione

I carrelli della serie drylin econ sono anche sostenibili. Per lo stampaggio a iniezione, igus utilizza il rigranulato iglidur ECO P, composto interamente da scarti di produzione provenienti dal processo di stampaggio a iniezione, comprese le materozze e i pezzi difettosi. “Il riciclo evita che la plastica venga bruciata”, precisa infine Edoardo Rivolta. “Noi rigranuliamo e reimmettiamo il materiale nell’economia circolare, risparmiando risorse e rispettando l’ambiente”.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ausiliari

Lati e Maag, insieme per crescere

Per decenni Lati ha prodotto e lavorato le materie termoplastiche ad alte prestazioni con macchine di sviluppo e produzione proprie. Successivamente si è affidata sempre

Congresso delle Materie Plastiche 2024

Compound su misura e sostenibili per l’automotive

Il settore automotive sta attraversando un periodo di cambiamento profondo nella progettazione e nello sviluppo di nuovi veicoli, condizionato prevalentemente dall’introduzione di nuove tecnologie di