Ricerca e industria alleate nel nome della stampa 3D

Condividi

Nuovi metodi di stampa 3D per realizzare prodotti a costi contenuti con materiali compositi ed ibridi destinati ai settori aeronautico, automobilistico, missilistico e farmaceutico.

È stato questo l’obiettivo del progetto AMICO, un caso emblematico in cui aziende leader di settori totalmente diversi tra loro – dai principali produttori italiani nei settori automotive e aeronautico e missilistico e una delle più grandi aziende farmaceutiche – hanno collaborato con un continuo scambio di know-how e con le più prestigiose università ed enti di ricerca, per dare vita a un progetto trasversale e multidisciplinare.

Il progetto, per metà finanziato dal Ministero Università e Ricerca, ha visto la partecipazione di ENEA come socio di IMAST (capofila), il Distretto tecnologico italiano per l’ingegneria dei materiali compositi, polimerici e strutture che, a sua volta, ha coinvolto anche i soci Leonardo, FCA Italy, MBDA, Dompé Farmaceutici, Cnr, CRF, CIRA, Politecnico di Torino e Università di Napoli Federico II. Oltre ad IMAST hanno partecipato come partner l’Università di Roma “La Sapienza”, l’Università di Trento e Aerosoft Spa.

Le soluzioni del progetto utilizzano metodi di costruzione alternativi ai processi convenzionali per rispondere all’esigenza di materiali sempre più versatili e funzionali. In un’ottica di economia circolare, sono state utilizzate anche tecnologie per il riciclo di sfridi di lavorazione e residui di sistemi termoplastici.

Per ENEA, AMICO ha costituito un momento di confronto per la sperimentazione dei processi sui materiali di nuova generazione del settore dei compositi aereonautici. Inoltre, ha consentito di sperimentare nuove strade per l’utilizzo delle fibre di carbonio recuperate (RCF), mentre l’applicazione delle tecniche ottiche per la diagnostica di processo ha portato allo sviluppo di diversi set-up sperimentali applicabili ai diversi materiali esaminati.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare