Nasce Biorepac, il primo consorzio in Europa per il riciclo degli imballaggi in bioplastica

    Il 26 novembre 2018 è stato costituito “Biorepack”, il primo consorzio in Europa per il riciclo organico degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile, una tipologia di packaging che fino a oggi viene gestita da Corepla, il consorzio degli imballaggi in materiale plastico.

    Promossa da sei tra i principali produttori e trasformatori di bioplastiche (Ceplast, Ecozema-Fabbrica Pinze Schio, Ibi plast, Industria Plastica Toscana, Novamont e Polycart), l’iniziativa si colloca all’interno del sistema Conai come nuovo consorzio di filiera per la gestione a fine vita degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile, che possono essere riciclati con la raccolta della frazione organica dei rifiuti e trasformati, con specifico trattamento industriale, in compost o biogas.

    «Si tratta di un progetto concreto di economia circolare aperto a tutti gli operatori della filiera, compresi gli utilizzatori e i compostatori» afferma Marco Versari, chiamato a ricoprire “pro tempore” la presidenza del nuovo Consorzio. «Un’iniziativa che consentirà alla filiera delle bioplastiche una migliore gestione dei propri imballaggi, ai cittadini di riconoscere tali materiali e conferirli correttamente nella raccolta dell’umido domestico e all’Italia di incrementare i risultati di riciclo raggiunti nel settore dei rifiuti urbani e dei rifiuti di imballaggi».

    Lo statuto di Biorepack è stato trasmesso come richiede la legge Ministero dell’Ambiente, a cui spetta il compito di autorizzare, con un decreto ministeriale, l’entrata in funzione del nuovo Consorzio.

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here