igus Italia compie trent’anni e amplia l’offerta per l’Hygienic Design

Condividi

È un’evoluzione continua la storia della filiale italiana di igus, azienda tedesca nata a Colonia negli Anni Sessanta e specializzata nella produzione di “motion plastics”, ovvero componenti tecnici in polimeri ad alte prestazioni per ogni tipo d’applicazione in movimento. Correva infatti l’anno 1993 quando igus aprì in Italia una sede commerciale, cresciuta poi esponenzialmente.

“Quella italiana è stata tra le prime filiali di igus nel mondo, che oggi annovera complessivamente 4600 dipendenti”, racconta Marcello Mandelli, country manager alla guida della realtà italiana insieme a Giulio Ferrante, responsabile della divisione cuscinetti dry-tech, e a Luca Bonfanti, responsabile amministrazione, risorse umane e finanza. “Siamo partiti conuna decina di dipendenti da un piccolo magazzino sito a Lomagna, in provincia di Lecco, per arrivare alla realtà attuale di Robbiate, sempre in Brianza, che oggi conta 105 collaboratori e un fatturato di 65 milioni di euro”.

Se la produzione è saldamente tedesca, in igus Italia si lavora alla personalizzazione del prodotto. “La nostra forza è l’occhio di riguardo nei confronti del cliente, oltre alla forte spinta innovativa della casa madre, che investe importanti risorse in ricerca e sviluppo per mettere a punto sempre nuovi materiali e nuove soluzioni”, spiega Mandelli. Un’attività che si traduce in un vastissimo catalogo, che ogni anno viene arricchito con 150-200 novità che ampliano gli ambiti applicativi e i mercati di riferimento.

Hygienic Design: sempre più sicurezza alimentare

In foto, da sinistra: Marcello Mandelli, Giulio Ferrante e Luca Bonfanti

Oggi igus si presenta sul mercato con nuovi prodotti che le permettono di ampliare la propria offerta in ambiti dove l’igiene è un requisito fondamentale e dove i produttori di macchine devono rispettare regole molto rigide per prevenire ogni rischio di contaminazione. Per questo motivo è importante che i costruttori d’impianti si assicurino di utilizzare componenti e materiali conformi al concetto di Hygienic Design e alle normative FDA ed EU. Proprio questa è la caratteristica dei prodotti che igus ha portato alla fiera Cibus Tec (Parma, 24-27 ottobre 2023): una gamma in costante ampliamento che comprende soluzioni conformi alle normative FDA ed EU 10/2011 in materia di contatto diretto con gli alimenti e, quindi ideali, per macchinari destinati all’industria del Food&Beverage.

Il settore del Food&Beverage è per igus Italia molto importante e pesa per il 5-7% del suo fatturato. Sembra poco, ma bisogna considerare che igus è attiva in moltissimi settori e con prodotti trasversali: ovunque vi sia qualcosa che si muove, igus è presente”, afferma Marcello Mandelli. “In Italia, il settore del Food&Beverage e relativo packaging è un’eccellenza. Per noi, i primi interlocutori sono i costruttori di macchine, ma tra i nostri clienti abbiamo anche utilizzatori finali delle macchine o tecnici manutentori”.

Promozione di igiene e sicurezza tramite l’EHEDG

A proposito di Hygienic Design: in ambito Food&Beverage – ma non solo – le norme e le direttive relative all’igiene divengono sempre più restrittive e negli anni hanno acquisito maggiore importanza. Questo ha portato a definire standard e indicazioni di progettazione dei prodotti (componenti e macchine), in modo da realizzarli garantendo la possibilità di raggiungere massimi livelli di pulizia e igienizzazione. Ciò comporta la scelta di materiali e architetture idonee al lavaggio, alla disinfezione, alla riduzione di rischio nella formazione di focolai batterici e, qualora questo dovesse succedere, alla possibilità di una loro eliminazione radicale. La progettazione secondo queste indicazioni viene identificata con il termine di “Hygienic Design” (HD), che ormai sta divenendo un requisito imprescindibile per le aziende che operano in questi settori, per l’acquisto dei prodotti da impiegare nei loro impianti.

Per facilitare la pulizia, igus ha sviluppato la guida lineare drylin W in esecuzione igienica con una slitta conforme alla normativa FDA ed esente da lubrificazione

Recentemente igus ha anche aderito all’EHEDG (European Hygienic Engineering and Design Group), un consorzio internazionale senza scopo di lucro fondato nel 1989. L’EHEDG è formato da aziende alimentari, costruttori di impianti e altri fornitori dell’industria alimentare, istituti di ricerca, autorità pubbliche sanitarie e organizzazioni governative, ed è finalizzata alla promozione della sicurezza alimentare tramite il miglioramento della progettazione e della costruzione igienica in tutti gli aspetti della produzione alimentare.

Afferma Mandelli: “Nell’Hygienic Design si parla di fare prodotti completamente chiusi. Sulla base delle nostre esperienze sul campo e dei test effettuati presso i nostri laboratori possiamo affermare che non sempre questo è necessario e condivideremo queste nostre conoscenze nei gruppi di lavoro dell’associazione”.

Tante le soluzioni motion plastics firmate igus in mostra a Cibus Tec. Vediamo, di seguito, le cinque novità principali presentate in anteprima.

Il nuovo doppio snodo igubal Food Contact

La prima guida lineare con slitta Hygienic Design

drylin W è il primo sistema igus di guide lineari basato sui principi dell’Hygienic Design e rende sicuri i processi di pulizia. È realizzato in acciaio inossidabile 316 alto legato, resistente alla corrosione, esente da lubrificazione, conforme alla normativa FDA e ai parametri della progettazione igienica. La slitta autodrenante è, invece, in tecnopolimero iglidur A160, uno dei materiali plastici igus conformi alle normative FDA ed EU 10/2011. Con drylin W, l’azienda è riuscita a progettare una soluzione priva di cavità o fessure che permettono ai liquidi di defluire liberamente, evitando ogni accumulo d’acqua.

Snodi sferici igubal Food Contact

Mostrata nella foto d’apertura di questo articolo, igubal Food Contact (FC) è la gamma di snodi sferici a strisciamento realizzati da igus con polimeri ad alte prestazioni conformi alle normative FDA ed EU 10/2011. Appositamente concepita per il contatto con gli alimenti, comprende supporti ritti, cuscinetti fissi flangiati, teste a snodo e forcelle. A Cibus Tec, igus ha presentato in anteprima l’inedito doppio snodo senza lubrificanti esterni, progettato per eliminare qualsiasi rischio di contaminazione. Come le altre soluzioni della gamma igubal FC, anche il nuovo doppio snodo comprende un alloggiamento rilevabile otticamente e magneticamente, realizzato in materiale igumid FC, conforme alla normativa FDA.

Lastre iglidur A160

Le lastre iglidur A160 di igus sono caratterizzate da elevata durata, estrema resistenza agli agenti chimici e sono conformi alle normative FDA ed EU

Ideali per il rivestimento di grandi superfici soggette a usura, le lastre iglidur A160 sono caratterizzate da elevata durata, estrema resistenza agli agenti chimici e sono conformi alle normative FDA ed EU 10/2011. Il materiale con cui sono realizzate è tribologicamente ottimizzato, può essere utilizzato a temperature fino a 90°C e risponde a tutti i requisiti per il settore della trasformazione degli alimenti, tra cui quello della rilevabilità ottica, essendo di colore blu. Disponibili in diverse dimensioni e spessori per adattarsi a specifiche esigenze produttive, le lastre iglidur A160 rispettano l’ambiente in quanto sono esenti da lubrificazione.

Modulo lineare con cinghia dentata in acciaio inossidabile

Il nuovo asse lineare con cinghia dentata ZLW-1050-ES, in acciaio inossidabile, è ideale per applicazioni nell’industria alimentare e delle bevande, nel settore medicale e, in generale, in tutti gli ambienti in cui siano richiesti requisiti igienici specifici. Il design modulare e compatto lo rende adatto all’utilizzo in spazi d’installazione ridotti. L’acciaio inossidabile conferisce a questa soluzione estrema resistenza alla corrosione, robustezza e affidabilità, anche in caso di funzionamento prolungato senza manutenzione.

Catena portacavi progettata secondo le direttive Hygienic Design

Il design aperto e arrotondato della catena portacavi TH3 agevola i processi di risciacquo e pulizia

Già bestseller della gamma igus, TH3 è la prima catena portacavi in tecnopolimero progettata specificatamente secondo le direttive Hygienic Design. Il design, infatti, è privo di viti di collegamento e presenta angoli arrotondati per evitare la formazione di depositi, potenziali portatori di germi. Estremamente facile da pulire grazie alla struttura aperta, TH3 è realizzata in polimeri di colore blu conformi alle normative FDA, che offrono buona resistenza ai detergenti e agli agenti chimici aggressivi. È infine compatibile con temperature comprese tra -40°C e +70°C.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Congresso delle Materie Plastiche 2024

Polimeri ad alte prestazioni per il metal replacement

L’impiego di tecnopolimeri per il metal replacement è una tematica di centrale importanza in svariati campi industriali: significa sostituire i metalli con materiali polimerici che

Economia circolare

In principio era un telone

Da riciclata a circolare: la mitica borsa svizzera Freitag continua il suo viaggio. La bicicletta è il mezzo di trasporto preferito per il graphic designer