Pressa ibrida e stampante 3D a Mecspe Bari 2023

Condividi

Dal 23 al 25 novembre, il pezzo forte dello stand I18 di Arburg alla fiera Mecspe Bari sarà la nuova pressa a iniezione ibrida Allrounder 470 H. I visitatori potranno inoltre toccare con mano una gamma completa di prodotti e servizi digitali e soluzioni personalizzate per la produzione additiva.

L’amministratore delegato di Arburg Italia, Raffaele Abbruzzetti

“Grazie al programma di riforma nazionale, agli investimenti statali e alle sovvenzioni, sono state gettate le basi per rilanciare l’economia del Sud Italia”, spiega Raffaele Abbruzzetti, amministratore delegato di Arburg Italia. “Il Sud, in particolare, dispone di eccellenti centri di ricerca e, ovunque ci sia innovazione, Arburg è presente. Quest’anno la nostra azienda a conduzione familiare guarda a 100 anni di successi e tradizione. L’orientamento al futuro è visibile in Italia, per esempio, grazie al nuovo centro per l’additive “Faberlab powered by Arburg” di Origgio (Varese), inaugurato la scorsa primavera”.

La macchina del giubileo: Allrounder 470 H

Tra le varie funzioni del sistema di controllo Gestica vi è anche “aXw Control FillAssist”, per l’ottimizzazione del riempimento stampo

Per celebrare i “100 anni dell’azienda della famiglia Hehl”, Arburg ha lanciato quest’anno una nuova macchina ibrida per lo stampaggio a iniezione. Alla fiera Mecspe Bari 2023, una pressa Allrounder 470 H “Comfort”, con una forza di chiusura di 1000 kN, produrrà una molletta chiudi pacco per sacchetti in PP in un tempo di ciclo di circa 20 secondi. La macchina monterà uno stampo a due cavità e a canale caldo, dotato di dispositivi per misurare la pressione del fuso. La pressa a iniezione disporrà di numerosi dettagli tecnici e di funzioni del sistema di controllo Gestica che ottimizzano i processi, aumentano la produzione e assicurano una qualità a zero difetti, risparmiando risorse. Un robot lineare Multilift Select gestirà la movimentazione dei pezzi stampati.

La nuova tecnologia delle macchine ibride

Un momento della presentazione della macchina ibrida Allrounder 470 H presso la sede di Arburg Italia, il 18 e il 19 maggio 2023

La nuova e sofisticata tecnologia delle macchine ibride convince su tutta la linea per il risparmio energetico, il risparmio di risorse, l’efficienza produttiva, la facilità d’uso e l’affidabilità. A seconda dell’applicazione, le varianti di prestazioni “Comfort”, “Premium” e “Ultimate” sono caratterizzate da un consumo energetico ridotto fino al 50% ed è possibile risparmiare fino a 12000 kg di CO2 ogni anno. Con diverse unità d’iniezione e numerose opzioni, la serie Hidrive può essere adattata esattamente alle esigenze dello stampatore. Con questa soluzione, ideale in termini di tecnologia d’azionamento, è possibile ridurre in modo significativo i costi di acquisizione e di esercizio e l’impronta di carbonio.

La digitalizzazione offre vantaggi sostanziali

Un altro punto focale dell’esposizione a Mecspe Bari è rappresentato dai prodotti e dai servizi digitali di Arburg. L’applicazione è collegata al sistema con computer centrale ALS: il MES dell’azienda specifico per i trasformatori di materie plastiche. I visitatori della fiera potranno anche prendere nota dei vantaggi dell’Arburg Remote Service (ARS) per la manutenzione da remoto e ottenere informazioni sul portale clienti arburgXworld, che offre un’assistenza digitale completa e una comunicazione semplice e veloce. Il risparmio di tempo e di costi è assicurato, per esempio, dall’ordine dei pezzi di ricambio con un “servizio 24/7” e dalla possibilità di pianificare con precisione le capacità produttive e i tempi di consegna.

Stampante 3D per attrezzature operative e mani di presa

Un dettaglio del “Faberlab powered by Arburg” di Origgio (Varese)

Il secondo modello esposto a Bari sarà una stampante 3D compatta TiQ 2, in grado di trasformare filamenti polimerici fibrorinforzati in componenti robusti e durevoli, utilizzando il processo Fused Filament Fabrication (FFF). Il sistema di materiali aperto è destinato a entrare con successo nel mondo della produzione additiva. Nell’automazione industriale, la stampa 3D è sempre più utilizzata per prodotti da fabbricare in tempi brevi, come pinze, strumenti operativi e altri componenti chiave per l’automazione. Alla fiera Mecspe Bari 2023 verrà dimostrata la produzione additiva, efficiente e veloce, di utensili di fine braccio (EAOT). Inoltre, saranno esposti diversi componenti di riferimento nei settori dell’ingegneria meccanica, del medicale, dell’aerospaziale, dell’automotive e dell’impiantistica. Ulteriori informazioni riguardanti la produzione additiva di prototipi funzionali, o di piccole serie, saranno disponibili anche presso il nuovo centro “Faberlab powered by Arburg” di Origgio (Varese).


Sfoglia la rivista

  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024
  • n.8 - Novembre 2023


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Componenti

Rondelle di contrasto e ugelli stampati in 3D

Con Monolith® ed Energy Blocker®, Ermanno Balzi (stand C42, pad. 36, alla fiera Mecspe) presenta due prodotti di spicco dell’azienda tedesca Witosa, di cui è

Ausiliari

Soluzioni di successo per i tubi da drenaggio

Nota a livello internazionale per la produzione d’impianti per profili in plastica, dal 2012 Baruffaldi Plastic Technology progetta e costruisce anche macchine di fine linea