Assogomma Academy: corso online sulla notifica all’archivio delle miscele pericolose

Condividi

Il prossimo 22 gennaio sarà l’ultimo giorno utile per iscriversi al corso: “La nuova procedura di notifica all’archivio delle miscele pericolose: dalla teoria alla pratica”, organizzato da Assogomma e che si terrà su piattaforma online il 25 gennaio 2024.

L’iniziativa costituisce una risposta alle diverse richieste di supporto pervenute in associazione e fornirà alle imprese del settore una guida operativa nella messa in pratica delle nuove procedure armonizzate per la notifica delle miscele pericolose, entrate in vigore lo scorso primo gennaio 2024.

Obiettivi e contenuti del corso

La procedura di notifica all’archivio delle miscele pericolose immesse sul mercato è stata armonizzata a livello europeo dall’Allegato VIII del CLP, al fine di superare le attuali differenze fra i sistemi nazionali di trasmissione delle informazioni ai Centri Antiveleni (CAV).

Il prossimo corso online di Assogomma Academy, previsto per il 25 gennaio 2024, sarà dedicato alle nuove procedure armonizzate per la notifica all’archivio delle miscele pericolose

La nuova procedura armonizzata, già operativa per le miscele destinate al consumatore e agli utilizzatori professionali, è diventata obbligatoria dal primo gennaio 2024 anche per le nuove miscele destinate agli utilizzatori industriali. Tra le novità introdotte va evidenziata la creazione di un Identificatore Unico di Formula (UFI): un codice alfanumerico che permetterà ai CAV di identificare univocamente la miscela e risalire rapidamente alla sua composizione e che andrà riportato nella Scheda dei Dati di Sicurezza (SDS) della miscela.

Il Regolamento 2017/542 è già stato oggetto di due emendamenti (Reg. 2020/11 e Reg. 2020/1677), che hanno introdotto, fra le altre cose, il concetto di Gruppo di Componenti Intercambiabili (ICG). Il corso consentirà ai partecipanti di acquisire competenze sulle nuove procedure di notifica delle miscele pericolose, utilizzando il portale “PCN portal” di ECHA,l’Agenzia europea delle sostanze chimiche.

Oltre all’inquadramento normativo e all’illustrazione delle principali novità, il corso prevede una sessione pratica con una dimostrazione, passo dopo passo, della procedura di notifica al nuovo portale europeo, corredata da esempi rappresentativi.

Il corso è dedicato principalmente ai responsabili aziendali di: regulatory affairs, qualità, sicurezza prodotti, sicurezza impianti, igiene industriale, protezione dell’ambiente, sistemi di gestione, laboratorio, R&D. Per iscriversi e per eventuali informazioni sugli appuntamenti successivi è possibile contattare la segreteria di Assogomma (Stefania Sicolo, assogomma@federazionegommaplastica.it).

Il programma dettagliato del corso 

Lo stand di Assogomma nel salone satellite “Rubber” della fiera Plast 2023

9.50 Collegamento e registrazione dei partecipanti

10.00 Il Regolamento 2017/542 (Allegato VIII del CLP):

  • campo di applicazione e soggetti coinvolti;
  • obblighi in materia di trasmissione;
  • periodo transitorio e scadenze.

Principali novità introdotte dall’Allegato VIII:

  • Identificatore Unico di Formula (UFI);
  • identificatore generico del prodotto;
  • Interchangeable Component Group (ICG): novità del 2° emendamento.

13.00 Pausa pranzo

14.00 Esempio pratico di una notifica di una miscela:

  • creazione di un numero UFI;
  • simulazione della preparazione tramite PCN portal.

17.00 Chiusura dei lavori.


Sfoglia la rivista

  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024
  • n.8 - Novembre 2023


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Componenti

Rondelle di contrasto e ugelli stampati in 3D

Con Monolith® ed Energy Blocker®, Ermanno Balzi (stand C42, pad. 36, alla fiera Mecspe) presenta due prodotti di spicco dell’azienda tedesca Witosa, di cui è

Ausiliari

Soluzioni di successo per i tubi da drenaggio

Nota a livello internazionale per la produzione d’impianti per profili in plastica, dal 2012 Baruffaldi Plastic Technology progetta e costruisce anche macchine di fine linea