Universal Robots a Mecspe con una nuova concezione d’automazione

Condividi

Semplificare l’automazione e renderla una soluzione tecnologica alla portata delle imprese di ogni dimensione: questo è l’obiettivo che Universal Robots persegue fin dalla sua nascita. E lo fa attraverso una proposta robotica flessibile, versatile e capace di rispondere ai bisogni di aziende che fronteggiano variabilità produttiva e incertezze di mercato.

L’azienda porterà a Mecspe cinque celle produttive complete per l’automazione di diverse applicazioni, oltre al nuovo cobot UR20

All’edizione 2023 di Mecspe (BolognaFiere, 29-31 marzo) questo obiettivo viene ulteriormente confermato grazie a una concezione tecnologica completamente nuova che vede il cobot al centro, come automazione abilitante, di soluzioni produttive chiavi in mano per diverse applicazioni manifatturiere. Presso il proprio stand (C48, padiglione 30), Universal Robots metterà infatti in mostra ben cinque celle produttive complete e integrate per l’automazione di assemblaggio, pallettizzazione, saldatura, verniciatura e operazioni correlate alla finitura superficiale dei componenti.

“Questa proposta di automazione nasce innanzitutto da una naturale propensione all’ascolto del mercato e delle esigenze dei nostri clienti”, spiega Gloria Sormani, country manager Italy di Universal Robots. “Le aziende chiedono un’automazione semplice da integrare e utilizzare, flessibile e capace di svolgere più compiti. Le soluzioni che portiamo in mostra a Mecspe rispondono proprio a queste esigenze. Sono celle complete, multifunzionali, che racchiudono tutti gli strumenti necessari all’automazione di diverse applicazioni: la stessa cella progettata per la saldatura può, con un rapido cambio attrezzo sul polso del robot, svolgere altri compiti come: finitura superficiale, sabbiatura, lucidatura. La cella dispone di un magazzino attrezzi che semplifica e velocizza la commutazione da un’attività all’altra. Sono, in breve, una risposta ai bisogni delle PMI che devono fronteggiare repentini cambiamenti di mercato, alta variabilità nelle referenze di prodotto, e hanno poco spazio a disposizione e ridotte competenze robotiche”. Lo sviluppo di queste celle è avvenuto in collaborazione con la rete di partner di Universal Robots: system integrator, sviluppatori, partner UR+ che producono accessori ed “end effector”.

 

In mostra, per la prima volta in Italia, il nuovo cobot UR20

La gamma di cobot UR e-Series

Al centro di una delle cinque celle, quella di pallettizzazione, in mostra vi sarà inoltre – per la prima volta in Italiail nuovo cobot della casa danese: UR20. Questo braccio robotico (20 kg di portata al polso per 3,5 metri di diametro operativo) è il primo della nuova serie che UR sta sviluppando, caratterizzata da maggiori velocità, potenza, struttura più robusta e facilmente manutenibile.

“UR20 è un’automazione game changer”, prosegue Gloria Sormani, “perché grazie alla maggior capacità di carico permette l’automazione di un numero maggiore di attività produttive. In pratica, un numero crescente di lavorazioni svolte con la robotica industriale tradizionale possono ora essere svolte con i robot collaborativi con queste capacità di carico maggiorate. Con ovvi vantaggi per la semplicità di installazione, gli ingombri ridotti e l’immediatezza di programmazione: tutti vantaggi che possono fare la differenza per le piccole e medie imprese che scelgono di intraprendere un percorso di automazione”.


Sfoglia la rivista

  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Esplorando i polimeri: il polietilene

Questa nuova rubrica della rivista Plastix nasce dalla consapevolezza che molti professionisti del settore materie plastiche provengono da ambiti diversi e non hanno sempre una

Stampa 3D: robusta ma “carente di ferro”

Una recente indagine su un campione d’imprese italiane ha permesso di evidenziare come la manifattura additiva e gli operatori che la propongono in un’ottica di