Un nuovo country manager per Universal Robots in Italia

Condividi

Cambio della guardia in via Lessolo, a Torino, sede di Universal Robots Italia. Alla guida della filiale commerciale UR è arrivato infatti Enrico Rigotti, in carica dall’8 gennaio 2024.

Brianzolo, 34 anni, sposato, Rigotti ha una formazione da ingegnere gestionale e un master in automazione industriale. Dopo le esperienze in Comau, in cui ha guidato prima le sales operations interfacciandosi con le filiali estere, per poi rivestire un ruolo gestionale e divenire account manager dei clienti Tier 1 europei, Rigotti è passato in OnRobot, guidando la fase di start up sul mercato italiano. In seguito è stato nominato responsabile Italia e poi sud est Europa.

Ed è proprio con l’esperienza in OnRobot (storico partner UR all’interno dell’ecosistema UR+) che Rigotti si è avvicinato alla robotica collaborativa, arrivando a guidare – dall’8 gennaio ultimo scorso – la filiale italiana dell’azienda pioniera del settore.

Ampi spazi di crescita per i cobot

Dopo anni d’esperienza nella robotica, Enrico Rigotti arriva al timone di Universal Robots Italia sostituendo Gloria Sormani, chiamata a un ruolo più “global” all’interno dell’azienda danese

“Sono estremamente grato a Universal Robots per l’opportunità e la fiducia”, ha commentato Enrico Rigotti. “UR è un’azienda con l’innovazione nel sangue, capace non solo di creare tecnologia di primissima qualità, ma anche di aprire mercati totalmente nuovi. La robotica collaborativa ha ampi spazi di crescita.

Mentre si consolida nelle aziende la consapevolezza dei vantaggi del collaborativo rispetto alla robotica industriale tradizionale, UR si proietta ancora una volta in avanti offrendo al mercato una visione nuova di robotica: veloce, efficiente, dal rapido ritorno d’investimento e soprattutto flessibile. Se il cobot si appresta a diventare rapidamente una commodity nel campo dell’automazione, con UR proponiamo un paradigma nuovo: una robotica integrata nei processi, pronta per la produzione in tempi rapidissimi. La solida squadra messa in campo da Gloria Sormani, che mi ha preceduto nel ruolo, mi supporterà nel garantire continuità e crescita”.

Jacob Pascual Pape, presidente regionale South EMEA e UK di Universal Robots

L’azienda proseguirà nella sua strategia di offrire soluzioni complete, integrate, e al tempo stesso flessibili per automatizzare i processi delle aziende.

“In UR abbiamo un credo: partire dal mercato e dalle esigenze dei clienti per sviluppare soluzioni efficaci”, ha aggiunto Jacob Pascual Pape, presidente regionale South EMEA e UK di Universal Robots. “Una figura come quella di Enrico, con un solido background commerciale, è quella giusta per “leggere”, con sempre maggiore precisione, i bisogni dei nostri clienti.

L’Italia rappresenta il secondo mercato dell’automazione in Europae si colloca fra i primi sette al mondo: un’area strategica di crescita per UR in cui si concentrano alcune delle aziende di automazione, system integrator e OEM più creativi e conosciuti al mondo. È al tempo stesso una sfida e una grande opportunità poter operare in questo mercato. Un grazie a Gloria Sormani per lo straordinario lavoro di consolidamento operato in Italia e un “in bocca al lupo” per Enrico”.


Sfoglia la rivista

  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ambiente

PMI e sostenibilità, un passo alla volta

Le piccole e micro imprese sono consapevoli dell’importanza della sostenibilità, ma faticano a realizzarla perché disorientate. Per evitare perdite di tempo e risorse occorre muoversi con razionalità,

Ausiliari

Barra a dritta con New Aerodinamica

Una Pasqua indimenticabile per il team di New Aerodinamica, che, per celebrare i primi quarant’anni della sua avventura industriale, ha “salpato le ancore” per una