Tool digitale per scoprire i tecnopolimeri ideati per il futuro della mobilità

Condividi

“Per quanto riguarda la nostra strategia globale, oltre all’Europa, che resta l’area di maggiore importanza relativa, l’approccio di lungo termine fondato sul rafforzamento della presenza produttiva in America e in Asia (è di pochi giorni fa l’inaugurazione del nuovo stabilimento indiano di Halol) ci ha portato i benefici attesi, ovvero la possibilità d’intercettare la ripresa della domanda di tecnopolimeri nei mercati più reattivi nel breve termine”, ha dichiarato Cesare Clausi, global sales director di RadiciGroup High Performance Polymers, aprendo la conferenza stampa svoltasi nella mattinata del 18 ottobre presso lo stand di RadiciGroup alla fiera Fakuma 2023.

Un momento della conferenza stampa di Cesare Clausi (a sinistra) ed Erico Spini nello stand di RadiciGroup alla fiera Fakuma

“Questo ci consente un cauto ottimismo sulle prospettive di crescita attese per il prossimo anno, e soprattutto ci fa guardare con fiducia alle ricadute a più lungo termine che il consolidamento dell’impronta globale porta con sé in termini di partnership con i nostri clienti”.

Forti dell’integrazione verticale nella filiera della poliammide, RadiciGroup Specialty Chemicals e RadiciGroup High Performance Polymersstanno presentando in questi giorni a Fakuma le ultime proposte altamente tecnologiche messe a punto per diversi settori: materiali per l’e-mobility, per l’elettrico/elettronico, per l’industria solare, e per il mondo del cosiddetto “bianco”, ovvero quello degli elettrodomestici.

Focus su RadiciGroup AutoInsight

Data la centralità del settore automotive in Germania, il gruppo ha scelto l’esposizione di Friedrichshafen per lanciare RadiciGroup AutoInsight: un nuovo strumento intuitivo ed efficace che fornisce in 3D una chiara e immediata mappa delle principali applicazioni in cui i tecnopolimeri, i filati, le fibre e i non tessuti di RadiciGroup possono essere utilizzati nel settore auto, con particolare enfasi sulle applicazioni per l’e-mobility.

La schermata “Interior” del nuovo tool digitale AutoInsight, per scoprire i materiali di RadiciGroup e “guidare” il futuro della mobilità

“Siamo sempre più focalizzati su applicazioni ad alto contenuto tecnico”, ha sottolineato Erico Spini, global marketing director di RadiciGroup High Performance Polymers. “Nel settore elettrico, la gamma dei prodotti Radiflam A FRX si amplia con versioni eccellenti per la marcatura laser, senza alcun compromesso per quanto riguarda le altre proprietà che rendono queste famiglie di prodotti particolarmente adatte per applicazioni quali i terminal block. Per l’auto elettrica presentiamo un materiale resistente all’idrolisi, su base PA6 con il 35% di fibra di vetro adatto al contatto prolungato con i liquidi di raffreddamento fino a 90°C. Abbiamo messo a punto inoltre altri prodotti antifiamma, ideali per applicazioni nel settore degli elettrodomestici: si tratta di gradi con GWIT elevato (famiglia robust glow wire) sia su base 6 che PA66. In questo caso sono stati introdotti miglioramenti significativi rispetto a prodotti più datati, senza compromessi sulla processabilità”.

Le soluzioni per tre settori in forte sviluppo

In fiera si possono toccare con mano anche alcune applicazioni per tre settori in forte sviluppo. In primis quello dell’e-mobility: un mercato dove RadiciGroup è già partner di fiducia di tutte le case automobilistiche alle prese con volumi in crescita. Vi è poi il settore dei cosiddetti “hand tools”,dove aumentata resistenza all’urto, colorazioni tailor-made e stabilizzazione ai raggi UV sono alcune delle caratteristiche da tenere in considerazione nella messa a punto dei materiali polimerici.

Infine, sono esposte applicazioni nell’ambito dell’industria fotovoltaica, per la quale RadiciGroup realizza materiali della famiglia Radiflam ottimizzati per i connettori,studiati per resistere a condizioni atmosferiche molto sfidanti (raggi UV, pioggia ecc.), con elevata resistenza all’urto anche a bassa temperatura.

Tecnopolimeri con contenuto biobased o da riciclo

Rendering dello stand di RadiciGroup a Fakuma: un appuntamento importante per il gruppo che, in Germania, può contare su siti produttivi sia nell’ambito degli intermedi chimici sia in quello del compounding

Oltre a questo, il gruppo è impegnato quotidianamente nell’ampliare la disponibilità dei tecnopolimeri da riciclo pre e post consumer, così come quelli da fonte rinnovabile, studiando insieme ai clienti soluzioni che ottimizzino le prestazioni tecniche e ambientali, anche grazie al supporto di Engineering Service: un servizio ingegneristico interno che unisce le competenze e l’esperienza degli specialisti RadiciGroup ai più avanzati sistemi di simulazione numerica al computer, con l’obiettivo di alimentare il successo di progetti innovativi o, ad esempio, di progetti di metal replacement. “I nostri prodotti vengono utilizzati in numerosi mercati, ognuno con le sue peculiarità e richieste”, ha concluso Cesare Clausi. “Ma se vogliamo identificare un tratto comune, di certo, è quello della sostenibilità. In questo contesto, soprattutto in Europa dove il 2023 ha registrato un rallentamento dell’economia, è cruciale intensificare gli sforzi per intercettare le esigenze legate alla transizione energetica. Ed è altrettanto importante darsi obiettivi vincolanti di riduzione dell’impatto ambientale. La misurazione delle emissioni e soprattutto gli obiettivi di decarbonizzazione fanno parte dei requisiti irrinunciabili per essere partner principali delle grandi aziende”.


Sfoglia la rivista

  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ambiente

PMI e sostenibilità, un passo alla volta

Le piccole e micro imprese sono consapevoli dell’importanza della sostenibilità, ma faticano a realizzarla perché disorientate. Per evitare perdite di tempo e risorse occorre muoversi con razionalità,

Ausiliari

Barra a dritta con New Aerodinamica

Una Pasqua indimenticabile per il team di New Aerodinamica, che, per celebrare i primi quarant’anni della sua avventura industriale, ha “salpato le ancore” per una