Sale al 75,3% il riciclo d’imballaggi in Italia

Condividi

Le tonnellate di rifiuti d’imballaggio riciclate in Italia nel 2023 sono state 10 milioni e 470 mila, pari al 75,3% dell’immesso al consumo (13 milioni e 899 mila tonnellate). Una percentuale di riciclo in forte crescita rispetto al 71% circa del 2022, anche per via di una riduzione dei pack immessi al consumo in Italia. Lo annuncia Conai nella sua nuova relazione generale, presentata il 3 luglio 2024.

«Numeri incoraggianti per l’Italia», commenta il direttore generale di Conai, Simona Fontana. «I quantitativi di materia riciclata crescono e confermano il settore del riciclo degli imballaggi come strategico per l’economia circolare nazionale. I risultati 2023 superano i target UE previsti al 2030, nonostante un contesto generale difficile per le imprese italiane.

Il balzo in avanti della percentuale di riciclo è il risultato di una crescita delle quantità di rifiuti di imballaggio riciclati a fronte della contestuale riduzione dei quantitativi di packaging immessi sul mercato nazionale nel 2023. Il tessuto imprenditoriale, infatti, ha fatto ricorso alle scorte di imballaggi e prodotti imballati accumulate nel 2022, producendo uno sfasamento temporale fra la produzione degli imballaggi, il loro uso e il momento in cui sono diventati rifiuti».

I numeri del riciclo più in dettaglio

«Balzo in avanti del riciclo incoraggiante, seppur in un contesto di produzione industriale in frenata. Ora devono aumentare anche le percentuali d’intercettazione degli altri rifiuti per rendere sempre più circolare la nostra economia», ha commentato il direttore generale di Conai, Simona Fontana

Scendendo nel particolare, sono state riciclate 418 mila tonnellate di acciaio, 59 mila di alluminio, 4 milioni e 674 mila di carta, 2 milioni e 164mila di legno, 1 milione e 55 mila di plastica tradizionale e circa 44 mila di bioplastica compostabile, 2 milioni e 46 mila di vetro.

E se alle cifre del riciclo si sommano quelle del recupero energetico – ossia l’uso dei rifiuti di imballaggio come combustibile alternativo per produrre energia – il totale di imballaggi recuperati e non finiti in discarica arriva a 11 milioni e 804 mila tonnellate, ossia l’85% dei pack immessi al consumo.

Numeri resi possibili anche dal lavoro portato avanti da Conai e dal sistema consortile con i Comuni italiani tramite l’accordo nazionale con Anci, in accordo con i consorzi di filiera. Nel 2023 sono stati 7242 i Comuni che hanno stipulato almeno una convenzione con il sistema consortile, con una fetta di popolazione servita pari al 96% degli italiani. E oltre 15 milioni sono gli abitanti del Centro-Sud coinvolti in progetti territoriali speciali volti a far crescere le raccolte per il riciclo nelle aree ancora in ritardo.

Per coprire i costi di ritiro dei rifiuti d’imballaggio in modo differenziato, nel 2023 Conai ha versato ai Comuni italiani 696 milioni di euro: risorse che provengono dalle imprese produttrici e utilizzatrici di imballaggi che si fanno carico dei costi da sostenere per gestire il fine vita dei packaging immessi sul mercato. I risultati di riciclo 2023 permettono quindi all’Italia di rimanere in una posizione solida nel quadro europeo.

Superati gli obiettivi europei al 2030

Nel 2023 l’Italia ha riciclato 1 milione e 55 mila tonnellate di imballaggi in plastica tradizionale e circa 44 mila tonnellate di bioplastica compostabile

«Gli obiettivi complessivi di riciclo chiesti dall’Unione al 2030, quando ogni Stato dovrà riciclare almeno il 70% dei suoi rifiuti di imballaggio, sono ormai ampiamente superati», spiega Simona Fontana. «Secondo gli ultimi dati Eurostat, l’Italia è leader per riciclo pro-capite di imballaggi in un testa a testa con la Germania, staccando di diversi punti il più piccolo e gestibile Lussemburgo. Non è un caso che lo scorso anno la Commissione Europea abbia inserito il nostro Paese fra i nove non a rischio per il raggiungimento degli obiettivi di riciclo, nella sua relazione di segnalazione preventiva sull’attuazione delle direttive sui rifiuti.

Non è il momento di fermarsi, però. Il nuovo Regolamento europeo chiederà tassi d’intercettazione dei pack sempre più alti: dobbiamo continuare a lavorare per aumentare quantità e qualità delle raccolte differenziate degli imballaggi, anche attraverso lo strumento delle raccolte selettive, ove opportune. Per migliorare ancora saranno importanti le innovazioni a monte, nella progettazione di imballaggi sempre più riciclabili e rigenerabili, e a valle, nelle tecnologie di riciclo in grado di recuperare materiale dalle frazioni oggi ancora più difficili da riciclare. L’augurio, poi, è quello che sempre più materiali possano rientrare in modo efficiente in un flusso sostenibile e circolare. Non solo i materiali da imballaggio, che a livello europeo rappresentano il 4% dei rifiuti totali».

In crescita anche i quantitativi di imballaggi riutilizzati. Nel 2023 sono stati più di un milione e 200 mila tonnellate gli imballaggi riutilizzabili dichiarati a Conai, in crescita rispetto al milione e 155 mila del 2022.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

osservatorio

Osservatorio MECSPE: cresce la fiducia nel manifatturiero

Secondo l’Osservatorio MECSPE del I quadrimestre 2024, l’84% degli imprenditori è soddisfatto dell’andamento della propria azienda. Cresce l’attenzione sulla sostenibilità: in aumento le aziende che