RadiciGroup lancia AutoInsight e consegna le borse di studio ai giovani più meritevoli

Condividi

Data la centralità del settore automotive per RadiciGroup, il colosso italiano della chimica ha deciso di lanciare AutoInsight: il nuovo tool in modalità 3D che fornisce una chiara e immediata mappa delle principali applicazioni in cui i tecnopolimeri, i filati, le fibre e i non tessuti di RadiciGroup possono essere utilizzati nel settore auto, con particolare attenzione ai numerosi componenti realizzati a partire dai materiali sicuri, innovativi e sostenibili del gruppo.

Il nuovo tool digitale AutoInsight consente di scoprire i materiali di RadiciGroup per il futuro della mobilità

In questa prima fase, con il nuovo e intuitivo strumento si è voluta porre particolare enfasi sull’e-mobility, ma gli specialisti di RadiciGroup e gli sviluppatori del tool (TXT Group XR Line of business) sono già al lavoro per un suo ulteriore avanzamento, per renderlo ancora più completo in termini di prodotti, soluzioni e applicazioni.

Il tool è fruibile da pc, tablet e mobile:consente di avere una descrizione dei materiali a colpo d’occhio, di salvare i prodotti preferiti, di scaricare le relative schede prodotto. È uno strumento digitale all’avanguardia e adatto a ogni profilo di visitatore, poiché consente livelli di approfondimento “liberi”, a seconda degli interessi e delle competenze di ciascuno.

Forse si fa prima a usarlo che a spiegarlo: cliccando qui è infatti possibile scoprire “RadiciGroup AutoInsight, Navigating Materials, Driving Innovation”.

Consegnate le borse di studio ai figli dei dipendenti

Si è tenuta nella mattinata del primo dicembre, nella sede di RadiciGroup a Gandino (Bergamo), la cerimonia di consegna delle borse di studio ai figli dei dipendenti che hanno conseguito la laurea (triennale, magistrale, o a ciclo unico) nel 2021 o 2022. Una tradizione che si ripete con cadenza periodica per celebrare il valore dell’istruzione e sostenere la formazione dei giovani.

Un momento della cerimonia di consegna delle borse di studio ai figli dei dipendenti da parte del management di RadiciGroup (in terza fila)

Sono stati 41 i dottori” premiati: 36 figli di dipendenti e 5 collaboratori diretti di RadiciGroup, di cui una quindicina appartenenti a società del gruppo con sede all’estero, in collegamento da remoto. Le borse di studio sono state assegnate a studenti che hanno concluso a pieni voti (votazione minima 100/110) il loro percorso universitario in diverse facoltà, tra cui: Matematica, Economia, Lingue, Medicina, Psicologia, Chimica e Ingegneria, nelle sue varie sfaccettature.

Angelo, Maurizio e Paolo Radici, azionisti del gruppo intervenuti alla cerimonia, si sono congratulati per i prestigiosi traguardi ottenuti: “Vi auguriamo un futuro luminoso in cui possiate esprimere la vostra creatività e professionalità nel migliore dei modi. Cercate di essere innovativi, di condizionare in maniera positiva il vostro percorso e, di fronte alle sfide, mettetevi in gioco con entusiasmo e passione. Un ringraziamento anche a tutti i genitori perché il vostro traguardo è frutto anche dei loro sacrifici e del loro sostegno quotidiano”. 

Erano presenti alla cerimonia anche Luigi Gerolla, business area manager di RadiciGroup High Performance Polymers e Nicola Agnoli, business area manager di RadiciGroup Advanced Textile Solutions. Coordinatore dell’evento: Carlo Paganessi, direttore risorse umane del gruppo, insieme a tutto il suo team.


Sfoglia la rivista

  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ambiente

PMI e sostenibilità, un passo alla volta

Le piccole e micro imprese sono consapevoli dell’importanza della sostenibilità, ma faticano a realizzarla perché disorientate. Per evitare perdite di tempo e risorse occorre muoversi con razionalità,

Ausiliari

Barra a dritta con New Aerodinamica

Una Pasqua indimenticabile per il team di New Aerodinamica, che, per celebrare i primi quarant’anni della sua avventura industriale, ha “salpato le ancore” per una