Masterbatch nero da riciclo

L’esigenza di incorporare una crescente quantità di materie prime riciclate nei prodotti finali sta spingendo l’intera filiera delle materie plastiche a proporre in catalogo alternative sostenibili non solo per le resine termoplastiche, ma anche per additivi e masterbatch utilizzati per modificare le proprietà o l’aspetto dei manufatti finali. A questa sfida non si è sottratta la statunitense Cabot, che ha recentemente introdotto sul mercato la nuova serie Techblak 85, un concentrato (masterbatch) di colore nero, dove il carbon black – che funge da pigmento – è ottenuto dal recupero di sfrido industriale, mentre il polimero della matrice proviene da riciclo post-consumo. Una soluzione sviluppata per soddisfare la richiesta proveniente da produttori di compound e trasformatori di prodotti finiti o semilavorati interessati a proporre materiali capaci di rispondere alle nuove sfide dell’economia circolare. La gamma Techblak 85 comprende diversi gradi destinati ad applicazioni di compounding, stampaggio a iniezione ed estrusione di film standard destinati ad applicazioni industriali, imballaggio e beni di consumo.

I nuovi masterbatch sono in linea con il programma di sostenibilità ambientale New Plastics Economy Global Commitment lanciato dalla Fondazione Ellen MacArthur, di cui Cabot è uno dei 400 firmatari; il produttore statunitense partecipa anche a Operation Clean Sweep, programma internazionale ideato per aiutare a tenere la plastica fuori dall’ambiente marino.

«Stiamo agendo secondo i principi di “ridurre, riutilizzare e riciclare” ove possibile» commenta Emmanuel Tarret, direttore commerciale EMEA e Americhe della divisione Specialty Compounds. «Ciò vale per tutta la nostra struttura produttiva, compresa la formulazione di carbon black e masterbatch. Con questa nuova serie, il nostro portafoglio ora comprende non solo formulazioni concepite per migliorare le prestazioni dei materiali riciclati, ma anche gradi ottenuti con materie prime rigenerate».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here