Grafylon 3D: il grafene che si stampa in 3D

Modellino stampato in 3D con filamento Grafylon 3D (Foto The Fablab)
Modellino stampato in 3D con filamento Grafylon 3D (Foto The Fablab)

Si chiama Grafylon 3D e promette prestazioni rivoluzionarie. È il primo filamento per stampanti 3D sviluppato da Filoalfa by Ciceri de Mondel caricato con il grafene G+ di Directa Plus. E, come assicura il responsabile R&D di Filoalfa Antonio Berera, presto ne seguiranno altri su altre basi polimeriche.

A raccontare le caratteristiche del prodotto è Giulio Cesareo, fondatore e CEO di Directa Plus: «Questa nuova generazione di filamenti permette di realizzare manufatti con finitura superficiale elevatissima, modulo elastico superiore ai prodotti tradizionali del 34%, resistenza alla trazione superiore del 23%, capacità di allungamento maggiore del 28% e proprietà di conducibilità termica. Di fatto, sono destinati a rivoluzionare gli standard del settore della stampa 3D».

composizione

La collaborazione tra le due realtà va oltre la competenza tecnologica e riguarda anche la comune attenzione verso la tutela della sicurezza e della salute delle persone e dell’ambiente: il grafene G+ è infatti prodotto con una tecnologia pulita, senza l’uso di additivi chimici ed è ecocompatibile e certificato sicuro per la salute umana da un laboratorio indipendente. Non solo. Come racconta Luciana Ciceri, amministratore di Ciceri de Mondel, «Filoalfa rende disponibili sul proprio sito i risultati delle indagini periodicamente svolte per valutare la dispersione in aria di inquinanti durante la termo-estrusione con stampante 3D dei propri filamenti».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here