Filiera made in Italy per un nuovo film per packaging compostabile

Concetti come riciclabilità ed ecodesign stanno modificando significativamente il settore dell’imballaggio, sottoposto alla richiesta sempre più pressante di semplificare le confezioni in film multistrato difficilmente riciclabili. Quattro realtà industriali – Novamont, SunChemical, Ticinoplast e Uteco Group – hanno accettato la sfida e, condividendo i rispettivi know-how tecnologici, hanno sviluppato una soluzione ad alte prestazioni tecniche che a fine vita può essere conferita nella frazione umida e quindi avviata al compostaggio industriale.

Il materiale di partenza è il Mater-Bi – la bioplastica di Novamont –, estruso con tecnologia Ticinoplast in un film che viene trattato con lacca barriera Aerbloc Enhance e decorato con inchiostri all’acqua Aqualam, entrambi forniti da SunChemical. Il passo successivo prevede la laminazione utilizzando un adesivo senza solvente compostabile (SunLam/SunChemical) tramite tecnologia di stampa e laminazione di Uteco Group. La soluzione si presta alla realizzazione di un ampio ventaglio di strutture laminate, adottabili per la realizzazione di molte tipologie imballaggi per alimenti su molteplici linee di confezionamento automatico, orizzontali e verticali, nonché varie buste preformate.

«Grazie alla nostra filiera, operatori del comparto del packaging e brand owner possono disporre di un “one-stop-shop” in cui ottenere la soluzione completa, a misura delle esigenze di ciascuno, senza dover spendere tempo ed energie nel selezionare singoli fornitori dei vari componenti necessari alla realizzazione della specifica soluzione» dichiara Aldo Peretti, presidente di Uteco Group.

«In questo particolare momento in cui la spinta verso la sostenibilità è molto forte, la collaborazione tra più aziende diventa elemento fondamentale per consentire di accelerare notevolmente il processo di innovazione tecnologica, portando alla realizzazioni di soluzioni adatte ad un imballaggio alimentare nel rispetto dell’ambiente» commenta Paolo Rossi, amministratore delegato di Ticinoplast.

«Alle aziende è oggi richiesto uno sforzo congiunto che permetta di realizzare, lungo tutta la filiera e in tempi brevi, soluzioni sostenibili per il packaging alimentare. In tale ottica, il contributo di innovazione che ciascun partner ha portato su materie prime, tecnologie di trasformazione, macchine da stampa, inchiostri, adesivi e coating è stato un elemento indispensabile per il successo dell’iniziativa» dice Fabio Deflorian, amministratore delegato di SunChemical Group Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here