Digitalizzazione, eccellenza applicativa e “unconventional solutions” per l’industria di domani

Condividi

Si aprirà domani la dodicesima edizione della fiera dell’automazione SPS Italia (Parma, 28-30 maggio 2024) e, come ha dichiarato l’AD della multinazionale Gefran, Marcello Perini: “Gefran guarda al futuro con soluzioni sempre più digitalizzate, modulari ed efficienti, concepite per soddisfare le esigenze dell’industria di domani. Le novità presentate quest’anno a SPS, presso lo stand F007, nel padiglione 3, rafforzano il nostro ruolo di partner tecnologico abilitante alla trasformazione digitale e sostenibile dei processi dei nostri clienti”.

Nuova CPU e I/O modulari per G-Mation: la piattaforma d’automazione dal field al cloud

I dati e la comunicazione hanno acquisito un ruolo sempre più centrale nell’automazione per l’industria, dove ogni dispositivo fornisce informazioni, in modo autonomo e indipendente, senza vincoli e rigide gerarchie. In tale contesto, spicca G-Mation di Gefran, una piattaforma di automazione programmabile caratterizzata da alte prestazioni, interoperabilità e scalabilità, che facilita la convergenza tra diversi componenti. Tra le famiglie di prodotti facenti parte dell’architettura G-Mation, Gefran presenta, in anteprima a SPS, il PLC modulare da interno quadro P6, con processore Intel Atom quad-core.

La nuova CPU da interno quadro G-Mation P656

L’inedita CPU supporta la connessione fino a 20 schede I/O su base EtherCAT G-Mation G3, per una gestione avanzata dei segnali di campo. Oltre a fungere da Master EtherCAT, può gestire fino a due reti EtherCAT, con la possibilità di configurarle con ridondanza o clock distribuito. Inoltre, la CPU può operare anche come slave nei protocolli RTE Profinet, EtherCAT e Ethernet/IP, garantendo così una facile integrazione in diverse tipologie di reti industriali.

Parallelamente, l’adozione della tecnologia Docker – una piattaforma di virtualizzazione a livello di sistema operativo – consente di installare applicazioni realizzate da Gefran, dai costruttori di macchine o anche open source. Esempi di applicazioni implementate come Docker includono diverse tipologie di database, interfacce per l’Industrial Internet of Things (IIoT), funzionalità di diagnostica e tool avanzati di configurazione della macchina.

Completa le novità in esposizione, la nuova famiglia di Panel PC G-Mation V, in cui confluiscono i pannelli operatore G-Vision, ora dotati di PLC Run-time integrato.

Relè statici mono, bi e trifase: scalabilità e configurabilità, in formato compatto

Focus su scalabilità e configurabilità per GRP e GRZ: le ultime serie di relè statici di Gefran per il controllo delle resistenze elettriche nel riscaldamento industriale.

Relè statico monofase serie GRP

Gli statici monofase serie GRP si distinguono per un range di corrente particolarmente esteso, da 15 A fino 120 A. Ulteriore plus è l’efficienza nel set-up dei parametri, garantita dall’esclusiva App Gefran NFC, che consente di replicare, rapidamente e senza errori, la medesima configurazione su diversi dispositivi, semplificando gli interventi di assistenza.

Gli statici monofase GRP sono disponibili anche in versione con comunicazione digitale IO-Link. Questa interfaccia supporta l’implementazione di funzionalità di monitoraggio energetico e diagnostica avanzata. In particolare, l’azienda presenta a SPS un gemello digitale del GRP che abilita funzionalità di diagnostica predittiva e controllo adattivo dei processi termici, per le quali è stato depositato un brevetto. Queste caratteristiche consentono di migliorare l’Overall Equipment Efficiency (OEE) di macchine per settori quali plastica, packaging e semiconduttori.

La gamma di relè GRZ, per carichi bi e trifase, si caratterizza per la sua architettura modulare. Basati sulla piattaforma GRx, da cui ereditano il formato estremamente compatto, gli statici GRZ sono disponibili in taglie di corrente che vanno da 10 A a 75 A.

Sostenibilità dei processi industriali: connubio tra Power Controller e Smart Load Manager

In virtù della consolidata esperienza nel settore del trattamento termico, Gefran ha sviluppato i GSLM, dispositivi smart per la gestione di potenza per carichi elettriciLavorando in sinergia con i power controller serie GPC (nella foto d’apertura, ndr), i GSLM permettono di distribuire in modo coordinato gli istanti d’innesco delle resistenze del riscaldamento, al fine di evitare dannosi e dispendiosi picchi di consumo di energia.

Eccellenza per l’idraulica mobile

Nell’ambito dei sensori, Gefran valorizza il know-how maturato nel settore dell’idraulica mobile presentando a SPS il nuovo trasduttore di posizione a filo multivariabile GSH-A. Disponibile con un’uscita CAN Open, si avvale della tecnologia a effetto Hall per la misura lineare fino a 12500 mm e di un inclinometro MEMS a singolo asse per la rilevazione simultanea di posizione e angolo d’inclinazione. Design compatto, ridondanza dei segnali e superiore resistenza a urti e vibrazioni rendono questo trasduttore ideale per applicazioni come piattaforme aeree e veicoli per il sollevamento merci.

Trasduttore di pressione KM

Tra le novità dedicate al mondo dell’idraulica mobile, spazio anche alla serie di trasduttori di pressione industriale KM. Estremamente leggere e compatte, le sonde KM presentano un’alta resistenza a shock (fino a 100g) e vibrazioni (20g), oltre a un’elevata immunità elettromagnetica (fino a 100 V/m). Caratteristiche che si traducono in precisione ed efficienza operativa anche in condizioni gravose.

Completano la panoramica dei sensori in esposizione i trasduttori di posizione lineare senza contatto LM-C con tecnologia brevettata TWIIST. Gli smart sensor TWIIST misurano inoltre diverse variabili di processo, quali velocità di spostamento, accelerazione, vibrazione e angolo di inclinazione. L’analisi combinata di queste variabili consente di estrarre informazioni cruciali relative al processo monitorato dal sensore. Ad esempio, un singolo sensore TWIIST è in grado di calcolare la posizione di un braccio controllato idraulicamente, o di identificare quale specifica operazione stia compiendo una macchina, rilevando al contempo eventuali anomalie. Alla base della potenza di elaborazione di TWIIST vi è un esclusivo modello di ricostruzione del moto tridimensionale, oggetto di brevetto, che incorpora tecniche combinate di scomposizione di processo e Intelligenza Artificiale.

Spazio alla creatività: la partnership tra Gefran e Robot at Work

Trasduttore di posizione lineare con tecnologia brevettata TWIIST

Proprio in questo ultimo contesto si colloca l’applicazione basata su un robot collaborativo realizzata da Gefran e Robot At Work (RAW). RAW è una giovane realtà dinamica e innovativa che svolge attività di progettazione, realizzazione, vendita e installazione di impianti industriali, tra cui celle robotizzate, controllo visivo e Virtual Commissioning, di cui Gefran ha acquisito una quota di minoranza lo scorso dicembre.

La demo collocata presso lo stand Gefran è costituita da un sensore TWIIST montato sul braccio del robot. Il sensore ricostruisce il movimento del braccio e identifica quale operazione stia eseguendo senza alcun collegamento con il sistema di controllo del robot stesso. Si tratta di un’applicazione adattabile a diversi movimenti di macchina, tanto in ambito di idraulica mobile (macchinari agricoli, da cantiere ecc.), quanto in ambito d’industria.

Infine, è rinnovato anche per quest’anno l’appuntamento speciale con gli studenti per le Lezioni in Fiera, che si terranno il 30 maggio presso lo stand di Gefran. Un’opportunità unica per immergersi nelle più recenti tecnologie d’automazione e scoprire le diverse innovazioni del costruttore bresciano per la trasformazione digitale e sostenibile dei processi.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

osservatorio

Osservatorio MECSPE: cresce la fiducia nel manifatturiero

Secondo l’Osservatorio MECSPE del I quadrimestre 2024, l’84% degli imprenditori è soddisfatto dell’andamento della propria azienda. Cresce l’attenzione sulla sostenibilità: in aumento le aziende che