“Casa Corepla” e “Magicamente Plastica” fanno tappa a Rieti

Condividi

Proseguono le attività del Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Plastica al fine di sensibilizzare i cittadini di Rieti. Dopo l’inaugurazione, a novembre, della campagna “L’Italia in Cornice”, il 16 aprile è partito un percorso di sensibilizzazione ambientale tout court, realizzato da Corepla con ASM Rieti, grazie a progetti pensati per essere fruibili dentro e fuori le scuole. Tali progetti coinvolgeranno oltre 1000 bambini delle scuole primarie e l’intera comunità.

Alla cerimonia inaugurale delle attività, che si è tenuta nella mattina del 16 aprile in Piazza Vittori a Rieti, hanno preso parte: l’assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità Giovanna Palomba, il presidente di ASM Vincenzo Regnini, la responsabile Comunicazione e Ufficio Stampa Corepla Eleonora Brionne (al centro della foto d’apertura, ndr) e le autorità civili e religiose della città. 

Le date e gli orari di Casa Corepla

I progetti di Corepla coinvolgeranno oltre 1000 bambini delle scuole primarie e l’intera comunità di Rieti

Dal 16 al 26 aprile, tutti i giorni, dalle 9.00 alle 18.30, presso gli Archi del Vescovado, avrà luogo “Casa Corepla”, il laboratorio ludico-didattico itinerante del consorzioche riproduce l’interno di un vero e proprio appartamento per educare anche i più piccoli e tutta la famiglia, alla corretta raccolta differenziata degli imballaggi in plastica.

Il progetto è proposto completamente rinnovato nei contenuti e nella grafica dopo un lungo lavoro di restyling. All’interno della “casa”, grazie al supporto di alcune educatrici, i bambini saranno guidati a riconoscere e compiere le azioni che danno il via al riciclo: dall’identificazione dei diversi imballaggi, alla successiva separazione fino al conferimento al servizio di raccolta differenziata. Il nuovo percorso grafico, che avvolgerà e guiderà i bambini all’apprendimento di azioni virtuose, è ideato in collaborazione con l’autrice e illustratrice di livello internazionale, Agnese Baruzzi

Un riciclo “magico”

Promosso da Corepla, lo spettacolo “Magicamente Plastica” racconta il riciclo della plastica attraverso il divertimento e lo stupore

Le attività promosse da Corepla per il Comune di Rieti prevedevano anche lo spettacolo teatrale “Magicamente Plastica”, che è andato in scena il 17 aprile e che ha come obiettivo quello di sensibilizzare le persone sul valore della plastica e sulla raccolta differenziata degli imballaggi attraverso il linguaggio diretto e universale della magia

Si tratta di un vero e proprio progetto di edutainment che racconta il riciclo della plastica attraverso il divertimento e lo stupore. Un modo nuovo per fissare nella memoria dei giovanissimi spettatori un tema di grande interesse, per renderli più consapevoli dell’importanza della raccolta differenziata

Protagonisti dello spettacolo di magia sono simpatici scienziati che, attraverso macchinari in fase di sperimentazione, test a volte fallimentari, esplosioni e fantastiche illusioni, porteranno il giovane pubblico in sala a conoscere meglio la plastica e le sue infinite risorse e qualità, anche quando sembra non servire più. Tutti i cittadini sono quindi chiamati a raccolta con l’obiettivo di diventare paladini della tutela ambientale del proprio territorio.


Sfoglia la rivista

  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Esplorando i polimeri: il polipropilene

Prosegue il viaggio nel vasto e variegato mondo dei polimeri, che ci porterà alla scoperta delle proprietà uniche di ogni materiale, delle sue applicazioni specifiche,

Ambiente

Un’alleanza contro i “falsi compostabili”

Condividere dati e informazioni per migliorare le attività di controllo e contrasto alla diffusione di falsi bioshopper e imballaggi in plastica non compostabile: è questo

Ambiente

Ambiente: dire, fare, certificare

La società Sarno Display ha fatto del rispetto per l’ambiente, il territorio e le persone la sua cifra distintiva, mettendo in atto un’azione sistematica in