Birra fresca fatta in casa grazie ai fusti in ABS

Condividi

Come fa ben intuire il suo nome, la società inglese Pinter ha la passione di portare la birra fresca in tutto il mondo. Il principale prodotto dell’azienda, chiamato anch’esso Pinter, si rivolge in particolare ai “birrai fai da te” che condividono la medesima passione. Poiché il “recipiente di reazione” – dove inserire l’acqua e gli ingredienti forniti da Pinter per ottenere buona birra dopo 4-7 giorni, più 3 di condizionamento in frigo – rappresenta il cuore della sua nuova botte, la società britannica ha collaborato con Albis per selezionare il miglior materiale plastico per produrlo.

La nuova botte per birra fatta in casa è solitamente venduta come singolo pezzo. Durante la produzione, tuttavia, è stato necessario suddividerla in singole sezioni funzionali, ciascuna delle quali presentava specifiche caratteristiche che hanno influenzato il processo di progettazione, produzione e assemblaggio. Sulla base del supporto fornito da Albis, è stato quindi selezionato come materiale principale per questa soluzione l’ABS Terluran® GP-35 di Ineos Styrolution, commercializzato dalla stessa Albis.

Resistente, adatto al contatto alimentare e in versione sostenibile

La società inglese Pinter ha selezionato l’ABS Terluran® GP-35 di Ineos Styrolution, distribuito in Europa da Albis, per questa soluzione innovativa nel campo della produzione di birra fatta in casa

L’ABS Terluran è in grado di definire nuovi standard per i copolimeri acrilonitrile-butadiene-stirene in termini di rapporto costo/prestazioni e qualità del prodotto finale. In particolare Terluran GP-35 è conforme alle normative sul contatto alimentare ed è facile da lavorare, grazie alla migliorata fluidità. Offre inoltre buona resistenza agli urti, stabilità dimensionale e colorabilità.

Terluran GP-35 è disponibile anche come versione ECO più sostenibile, basata su polimeri riciclati o su materie prime biologiche, certificata dall’ISCC in base all’approccio tramite bilanciamento di massa.

“Amiamo lavorare con aziende come Pinter. Preferiamo che il cliente si concentri sulle proprie competenze, mentre noi contribuiamo con la nostra conoscenza dei polimeri”, ha commentato Chris Newman, direttore tecnico regionale di Albis, che è infatti specializzata nel fornire servizi ottimizzati alle aziende che si rivolgono direttamente ai consumatori finali, aiutandole a realizzare i loro sogni in termini di design/progettazione.

“Terluran GP-35 è un materiale perfetto per questa applicazione”, ha affermato Natasza Bil, responsabile della distribuzione presso Ineos Styrolution. “Non si tratta solo della migliore soluzione disponibile al momento, ma offre anche un percorso d’aggiornamento verso un materiale (ECO) con un impatto ambientale inferiore”. “La nostra azienda è impegnata a migliorare costantemente le caratteristiche dei prodotti e la sostenibilità dei modelli futuri”, ha concluso Alex Dixon, cofondatore di Pinter. “Siamo lieti del supporto ricevuto da Albis per portare sul mercato un prodotto funzionale ed estetico, e siamo entusiasti della possibilità di seguire un percorso di sostenibilità con il materiale che utilizziamo già oggi”.


Sfoglia la rivista

  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ambiente

PMI e sostenibilità, un passo alla volta

Le piccole e micro imprese sono consapevoli dell’importanza della sostenibilità, ma faticano a realizzarla perché disorientate. Per evitare perdite di tempo e risorse occorre muoversi con razionalità,

Ausiliari

Barra a dritta con New Aerodinamica

Una Pasqua indimenticabile per il team di New Aerodinamica, che, per celebrare i primi quarant’anni della sua avventura industriale, ha “salpato le ancore” per una