Affidabilità di processo nella produzione di piastre normalizzate

Condividi

Con oltre 30 diverse tipologie di materiali stoccati su una superficie equivalente a oltre 2,5 campi di calcio e un’alta percentuale di produzione interna, la società austriaca Meusburger (stand C44, pad. 36, alla fiera Mecspe 2024) non è solo in grado di garantire un’elevata qualità, ma anche la sicurezza dei processi produttivi e una disponibilità continua.

Quality made in Austria

La maggior parte delle piastre normalizzate può essere spedita direttamente dal magazzino di Meusburger

Questo fornitore di normalizzati attribuisce la massima importanza alla qualità ed è per questo che il 100% delle sue piastre viene prodotto in Austria. Le linee di produzione altamente automatizzate e il personale perfettamente qualificato garantiscono tolleranze nell’ordine del micron.

Per ottenere la massima qualità, il materiale grezzo viene sottoposto sin dall’inizio a un’analisi spettrale e a un test di resistenza. Successivamente, anche il miglior materiale grezzo viene sottoposto a trattamento termico di distensione nei forni di Meusburger, per ridurre al minimo le sollecitazioni, creando così le condizioni ottimali per lavorazioni successive con distorsioni ridotte dei pezzi.

La struttura è priva di punti duri, per cui si evita la rottura improvvisa dell’utensile. In molti casi, è inoltre possibile ridurre notevolmente il sovrametallo per le fasi di lavorazione successive. I tempi di lavorazione più brevi e la maggiore durata degli utensili che ne derivano consentono di guadagnare tempo per altre attività. Il trattamento termico di distensione non riduce solo il tempo lavorazione, ma aumenta anche la precisione, poiché la distorsione è ridotta al minimo. Questo si traduce in un risparmio sui costi per i clienti e offre loro un vantaggio competitivo nel lungo periodo.

Disponibilità permanente

Il più grande magazzino centrale di normalizzati si trova presso l’attuale quartier generale di Meusburger a Hohenems, in Austria. La maggior parte delle piastre normalizzate può essere spedita direttamente da quel magazzino e i clienti non devono quindi perdere troppo tempo nella realizzazione dei loro progetti.

Standardizzazione nella costruzione stampi

Grazie all’elevato grado di produzione interna, il costruttore austriaco raggiunge una qualità molto elevata per le proprie piastre

Con 60 anni di esperienza nella lavorazione dell’acciaio e oltre 110 diverse dimensioni di stampi, Meusburger è un partner importante e affidabile nella costruzione stampi. I clienti beneficiano di una gamma di normalizzati ben studiata e sofisticata, che offre numerose possibilità:

  • dimensioni stampo: da 96 x 96 mm a 996 x 1196 mm;
  • piastre forate e non forate;
  • possibilità di realizzare un foro di raffreddamento tra il foro di guida e il foro di avvitamento;
  • piastre di forma con angoli scaricati e bordi di allineamento per un facile smontaggio e un rapido allineamento;
  • versione larga e stretta del tavolino espulsori (a partire dalla dimensione dello stampo 196 x 196 mm), con distanziali corrispondenti;
  • distanziali F 70 con filettatura per lo smontaggio della piastra di staffaggio, compresi i distanziali.

Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ausiliari

Lati e Maag, insieme per crescere

Per decenni Lati ha prodotto e lavorato le materie termoplastiche ad alte prestazioni con macchine di sviluppo e produzione proprie. Successivamente si è affidata sempre

Congresso delle Materie Plastiche 2024

Compound su misura e sostenibili per l’automotive

Il settore automotive sta attraversando un periodo di cambiamento profondo nella progettazione e nello sviluppo di nuovi veicoli, condizionato prevalentemente dall’introduzione di nuove tecnologie di

Ambiente

Ambiente: un futuro oltre ai PFAS

Sintetizzate per la prima volta negli Anni Trenta, le sostanze per e poli fluoroalchiliche si sono sviluppate negli Anni Cinquanta e Sessanta per poi invadere