Un nuovo sistema d’aspirazione rifili in terra d’Irlanda

Condividi

La società New Aerodinamica è sbarcata in questi mesi nell’isola di smeraldo per occuparsi della realizzazione di un impianto d’aspirazione per Alert Packaging, importante azienda produttrice di imballaggi flessibili con sede a Bray, nella contea irlandese di Wicklow. Si tratta di un lavoro commissionato grazie alla segnalazione del costruttore della taglierina – molto soddisfatto da collaborazioni precedenti – all’azienda committente, per la realizzazione di un impianto d’aspirazione rifili sulla propria taglierina e per valutare anche la possibilità di migliorare quanto già in possesso del cliente.

Così, dopo un primo contatto tramite videocall e l’analisi dei sistemi d’aspirazione in uso grazie all’invio di planimetria e materiale fotografico, il team si New Aerodinamica si è subito messo all’opera, stilando un nuovo progetto, al fine di portare al cliente la tanto sperata soluzione.Un modus operandi che è piaciuto molto ad Alert Packaging, il cui amministratore delegato, Darren Burke ha così dichiarato: “Vista la disponibilità dimostrata fin dai primi step, la professionalità e la reputazione positiva che ha preceduto New Aerodinamica nel settore a livello internazionale, non abbiamo avuto dubbi su a chi affidare quest’importante commessa”. Ma le problematiche non sono certo mancate e soprattutto quelle legate all’impianto esistente, quali un sistema di scarico sotto dimensionato e una rumorosità elevata (essendo tale impianto collocato nelle vicinanze di un’abitazione).

Velocità d’aspirazione ai massimi livelli

Tecnologia e innovazione sono gli ingredienti chiave del recente intervento realizzato dal team di New Aerodinamica, per la prima volta in terra irlandese

“Dopo una prima analisi, la proposta al cliente è “scattata” istantaneamente: un nuovo sistema d’aspirazione applicato alla macchina e un miglioramento del sistema di scarico mediante l’installazione di un separatore con sistema di bilanciamento”, ha raccontato il CEO di New Aerodinamica, Paolo Radaelli. “Reazione del cliente? Positiva! Da qui il primo sopralluogo “sul campo”, per verificare gli ingombri, e la proposta al cliente di alcune alternative per la dislocazione della zona di scarico. Accordo trovato… via libera alla realizzazione dell’impianto con relativo invio del materiale per il montaggio in autonomia da parte dei tecnici di Alert Packaging”.

Un aspetto chiave, quest’ultimo, identificativo di tutti gli impianti firmati New Aerodinamica, complessi ma user friendly, grazie all’invio di disegni passo-passo in 3D con le varie fasi per il montaggio, nonché per merito di un’assistenza dedicata e costante, da remoto, da parte dei tecnici bergamaschi. E così, ultimato il cablaggio elettrico – con assistenza del team dall’Italia, possibile grazie alla qualità del quadro di comando del ventilatore e del quadro di gestione dello scarico, dotato di touch-screen e connessione remota – è stato dato il via libera al secondo intervento sul posto, per il collaudo.

“Risultato raggiunto? Assolutamente sì, con stupore del cliente di fronte a una velocità d’aspirazione dei rifili che si è attestata subito ai massimi livelli, ovvero a 800 m/min… anche se inizialmente l’operatore non voleva superare per timore i 400-500 m/min”, ha proseguito Radaelli. “Tutto questo grazie alla misurazione dell’aria e del flusso, già rilevati in precedenza”.

Test d’aspirazione e collegamento delle macchine preesistenti

La parte esterna dell’impianto d’aspirazione

Sono quindi seguite tutte le prove per l’aspirazione di diversi materiali (OPP, PET, PA, carta, alluminio ecc.) con spessori compresi tra i 12 e i 200 micrometri e rifili fino a 80 mm per lato, anche in questo caso con il raggiungimento di 800 m/min. Ma non solo. Tale risultato è stato registrato anche con i macchinari preesistenti, raddoppiando la velocità grazie al collegamento con il nuovo separatore: dimostrazione perfetta di come un dimensionamento corretto di una parte dell’impianto possa portare benefici su un’altra macchina senza toccare l’aspetto aspirazione.

“E per quanto riguarda la rumorosità?”, si è chiesto retoricamente Paolo Radaelli. “Anche in questo caso si è trovata una soluzione incapsulando il ventilatore di bilanciamento all’interno di una cabina insonorizzante, con pannelli sandwich da 100 mm, e aggiungendo ulteriori setti interni afoni: chiave per il contenimento del rumore sotto i 45 decibel”. Insomma, si è trattato di un impianto che ha segnato il raggiungimento totale degli obiettivi posti, con la piena soddisfazione di Darren Burke, che ha così concluso: “L’intervento compiuto da New Aerodinamica ci ha consentito di raggiungere il doppio della velocità precedente di funzionamento dei macchinari, con un conseguente miglioramento della produttività. La collaborazionecon il team bergamasco è stata vincente e caratterizzata da diversi aspetti: la velocità del servizio e le tempestive risposte a ogni domanda, la disponibilità e la professionalità dimostrata in ogni aspetto, anche quando abbiamo fatto cambiamenti “in corsa”. Vorrei infine sottolineare il fatto che le nuove macchine non sono solo super efficienti, ma anche esteticamente belle. E questo è un aspetto tutt’altro che indifferente”.


Sfoglia la rivista

  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024
  • n.8 - Novembre 2023


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Componenti

Rondelle di contrasto e ugelli stampati in 3D

Con Monolith® ed Energy Blocker®, Ermanno Balzi (stand C42, pad. 36, alla fiera Mecspe) presenta due prodotti di spicco dell’azienda tedesca Witosa, di cui è

Ausiliari

Soluzioni di successo per i tubi da drenaggio

Nota a livello internazionale per la produzione d’impianti per profili in plastica, dal 2012 Baruffaldi Plastic Technology progetta e costruisce anche macchine di fine linea