Un centro per la co-creazione di nuovi materiali e applicazioni

co-creazioneIl nuovo centro di innovazione di GCR mette a disposizione 2000 m2 di spazio di “co-creazione” pienamente attrezzato per la collaborazione allo sviluppo di nuovi materiali e applicazioni con fornitori e clienti.

GCR Group ha annunciato la recente apertura di un centro dedicato a Ricerca & Sviluppo in Spagna, a La Bisbal del Penedés, in provincia di Tarragona.

Il progetto di questo “Centro di Innovazione” è quello di aggiungersi a 20 anni di esperienza nella tecnologia dei materiali e sviluppare soluzioni basate sui polimeri che permettano di ridurre l’impatto ambientale a breve e lungo termine.

L’investimento complessivo dell’azienda ammonterà a 100 milioni di euro entro il 2025.

Insieme al nuovo impianto di riciclo d’avanguardia da 200.000 tonnellate che verrà aperto nel 2023, questi investimenti riflettono la visione a lungo termine creata in occasione della fondazione dell’azienda nel 2001: “Innovare il nostro futuro sostenibile“.

Mentre i materiali basati su resine polimeriche vergini hanno proprietà ben definite e omogenee, lavorare con materiali riciclati o trovare modi di ridurre l’impronta di carbonio presenta nuove sfide che richiedono sperimentazione per risolverle.

Spesso vanno create soluzioni personalizzate prendendo in considerazione il flusso di rifiuti e l’applicazione.

Per questo motivo GCR crede che le partnership collaborative in progetti di “co-creazione” all’interno dell’intera catena del valore siano di vitale importanza.

co-creazioneIl nuovo centro di innovazione da 2000 m2 concentra l’esperienza tecnica del team di talento di GCR e tutte le attrezzature necessarie per l’incubazione e la verifica concettuale, dallo sviluppo all’impianto pilota e la produzione finale.

Le collaborazioni esistenti coinvolgono le istituzioni tecniche, i fornitori di attrezzature, i fornitori di materie prime e di rifiuti, produttori e brand owner GCR offrono, inoltre, la gestione di progetti “chiavi in mano” nella quale i clienti danno piena fiducia alle capacità di GCR.

«Preferiremmo mandarvi tutti gli scarti perché la qualità che ottenete da essi è qualcosa che noi non raggiungeremo mail» ha dichiarato un importante convertitore.L’estensiva conoscenza dei materiali di GCR e la tenace attenzione alla qualità si riflettono nelle gamme di prodotto esistenti.

Le poliolefine R CICLIC® (poliolefine riciclate) si basano sull'”upcycling” di rifiuti completamente tracciabili e possono offrire proprietà costanti nel tempo simili alle plastiche vergini, avendo inoltre la certificazione per l’impronta di carbonio più bassa del 60-80%.

I masterbatch e composti minerali possono offrire una riduzione fino al 30% dei costi energetici durante il processo di lavorazione.

Oltre a una gamma completa di prodotti esistenti, il centro di innovazione mette insieme la completa esperienza tecnica e di lavorazione di GCR per creare prodotti personalizzati e fornire soluzioni alle sfide affrontate durante l’uso di rifiuti post-consumo o post-industriali o per il miglioramento dell’impronta di carbonio/LCA.

GCR può migliorare il valore dei rifiuti tramite, ad esempio, compatibilizzatori o la cattura/il blocco di batteri che producono odori. Inoltre ha sviluppato soluzioni basate su biopolimeri e biodegradabili.

«Crediamo fermamente di avere la capacità, l’agilità e la visione per accelerare l’economia circolare» afferma Santiago Sans, Direttore dell’innovazione presso GCR.

«Tramite tale investimento, dimostriamo di credere nella collaborazione con partner che condividono gli stessi principi nella catena del valore.»

co-creazioneIn particolare, GCR ha creato le specifiche per la soluzione esatta che può sostituire il 100% delle plastiche vergini tramite la collaborazione e l’innovazione su tutta la catena del valore.