Tecnopolimero rigenerato per cuscinetti resistenti alle sostanze chimiche

Condividi

Da tempo igus opera con l’impegno di trasformare la classica produzione della plastica in un’economia circolare sostenibile. Lo specialista delle motion plastics, infatti, ritiene che nemmeno un grammo di plastica debba andare perso. Ecco perché l’azienda recupera materozze e particolari difettosi per produrre granulato rigenerato, da utilizzare poi nella produzione dei cuscinetti a strisciamento della serie iglidur ECO.

L’ultima novità della gamma ECO è il cuscinetto a strisciamento iglidur ECO P210 resistente agli agenti chimici. Ciò lo rende adatto all’utilizzo in macchinari come gli agitatori, i mulini da laboratorio e i dispositivi di filtrazione, giusto per citarne alcuni. Questi nuovi cuscinetti sono resistenti a temperature comprese tra i -40°C e i 100°C. Come tutti i cuscinetti igus, anche i nuovi iglidur ECO P210 sono esenti da lubrificazione esterna, perché dotati di lubrificanti solidi incorporati nel materiale, che consentono il funzionamento a secco a basso attrito.

I test di laboratorio dimostrano il potenziale della serie ECO

Esente da lubrificazione, resistente agli agenti chimici e sostenibile: il nuovo cuscinetto a strisciamento iglidur ECO P210, in materiale plastico rigenerato, è adatto a molteplici applicazioni

“Le prove eseguite nel nostro laboratorio interno confermano che i cuscinetti in granulato rigenerato assicurano la stessa resistenza alla pressione di spigolo, agli urti e agli impatti della serie convenzionale iglidur P210”, spiega Giulio Ferrante, Country manager di igus Italia e responsabile della business unit Cuscinetti iglidur. Per verificare la conformità del materiale ECO alla singola applicazione, l’azienda mette a disposizione dei progettisti uno strumento online che permette di calcolare la durata d’esercizio. In questo modo gli utilizzatori possono verificare rapidamente se la variante ECO è adatta al caso specifico.

Il nuovo ECO P210 è il quinto membro della famiglia iglidur ECO, interamente prodotta con almeno il 97% di granulato rigenerato e che, ad oggi, comprende: ECO H, ideale per ambienti caldi e corrosivi; ECO P, contraddistinto da un basso tasso di assorbimento d’umidità, per applicazioni all’aperto; ECO G, il factotum resistente a carichi elevati; ECO A180, il cuscinetto a strisciamento entry level.

Strada aperta verso un’economia circolare sostenibile

Il primo sito su scala industriale di Mura Technology, per il riciclo avanzato della plastica con tecnologia proprietaria HydroPRS, si trova a Teesside, nel Regno Unito

Lo sviluppo della serie ECO fa parte della strategia di sostenibilità perseguita da igus su più livelli e con diverse iniziative. Per i principali materiali iglidur, l’azienda mette a disposizione l’impronta di carbonio dei singoli prodotti. In questo modo i clienti possono confrontare e scegliere il cuscinetto più adatto alle proprie esigenze, con la più bassa carbon footprint. L’impegno di igus nel contribuire a trasformare la classica economia lineare della plastica in un’economia circolare sostenibile non si limita al riciclo e alla produzione di materiali e prodotti riciclati, ma si declina anche in importanti investimenti in innovative tecnologie. Tra queste, vi è la tecnologia HydroPRS di Mura Technology, azienda britannica che ha sviluppato un processo per riconvertire la plastica in petrolio grezzo utilizzando acqua, temperatura e pressione.


Sfoglia la rivista

  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024
  • n.8 - Novembre 2023


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Componenti

Rondelle di contrasto e ugelli stampati in 3D

Con Monolith® ed Energy Blocker®, Ermanno Balzi (stand C42, pad. 36, alla fiera Mecspe) presenta due prodotti di spicco dell’azienda tedesca Witosa, di cui è

Ausiliari

Soluzioni di successo per i tubi da drenaggio

Nota a livello internazionale per la produzione d’impianti per profili in plastica, dal 2012 Baruffaldi Plastic Technology progetta e costruisce anche macchine di fine linea