Sirmax Group investe 10 milioni di euro nell’aumento di capacità produttiva

Si conferma la crescita di Sirmax Group che nei primi mesi del 2021 segna un aumento dei volumi di vendita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 19% rispetto ai primi nove mesi del 2019, spingendo il fatturato complessivo previsto a chiusura dell’anno a 450 milioni di euro, dai 315 del 2020. Un trend che il compounder di Cittadella (Padova) ha deciso di rafforzare con un investimento di 10 milioni di euro in macchinari e linee produttive, che porta la capacità produttiva complessiva a un incremento di 27.000 tonnellate corrispondenti a un +10% in Europa e +15% negli Stati Uniti. Con le nuove macchine viene soddisfatto l’aumento di richiesta di tecnopolimeri (ABS, PC, PCABS, PA6-PA66) e di polipropilene compound che nei primi nove mesi dell’anno in corso è cresciuta rispettivamente del 50% e del 26% in termini congiunturali.

Massimo Pavin, presidente Sirmax Group

L’investimento in tecnologie consolida la partnership del compounder veneto con i colossi della meccanica Coperion, MAAG e Brabender Technologie, aziende primarie del settore delle apparecchiature altamente tecnologiche.«Con Coperion, Maag e Brabender abbiamo oramai un rapporto consolidato e mi fa molto piacere continuare la nostra collaborazione» commenta il presidente e amministratore delegato di Sirmax Group Massimo Pavin. «Le loro attrezzature assicurano a Sirmax altissime performance qualitative sui materiali prodotti. La loro presenza con filiali in tutto il mondo sposa perfettamente ed è di supporto alla strategia multi country-multi products di Sirmax».

Nello specifico, sono stati acquistati sei estrusori, completi dei componenti a corredo: tre nuovi estrusori andranno a potenziare la produzione del secondo sito produttivo di Kutno, in Polonia, costruito nel 2019, e sono destinati al consolidamento e allo sviluppo dello stabilimento. In particolare, nel secondo sito polacco è stata potenziata l’infrastruttura per la produzione dei TPE (elastomeri termoplastici) con un nuovo impianto di insacco automatico e due nuovi silos riscaldati per l’olio tecnico.

Il quarto estrusore è destinato al plant statunitense dell’Indiana, Sirmax North America, mentre i rimanenti due sono destinati rispettivamente al potenziamento della produzione dell’headquarters di Cittadella (Padova) e all’implementazione della attività di Ricerca & Sviluppo della sede produttiva di San Vito al Tagliamento (Pordenone), dove vengono prodotti specifici tecnopolimeri. I sei nuovi estrusori entreranno in funzione a regime tra febbraio e settembre del 2022.

Con gli estrusori e le attrezzature a marchio Coperion, MAAG e Brabender Technologie saranno possibili scale-up più semplici ed efficaci tra linee produttive e R&D (degli stessi brand). Inoltre, la consuetudine con i tre fornitori permette la condivisione di upgrade tecnologici e l’effettuazione di test implementativi che possano portare alla creazione di nuovi prodotti per Sirmax o nuovi macchinari per Coperion, MAAG e Brabender Technologie.