Presse rotative Non Standard Tecnology: il punto di forza di Presma

Macchina rotativa a sei stazioni con piani da 1.450 x 1.650 mm, sei chiusure da 220 tonnellate, e volume teorico di iniezione di 13.855 cm3. La pressa è dedicata al settore della sicurezza stradale

Da sempre Presma produce presse a iniezione speciali per lo stampaggio a iniezione di materiali termoplastici compatti, semi-espansi, bi-componenti, gas assistiti e riciclati e da qualche anno anche gomme naturali e siliconi. Oltre 100 modelli con forze di chiusura da 6 a 1.600 tonnellate, piani portastampo di dimensioni fino a 3,5 m2, versioni con chiusure modulari a 1,2 o 3 stazioni e rotative da 2 a 18 stazioni; apertura stampi in orizzontale o verticale con traslazione della metà stampo inferiore; gruppi di iniezione a vite punzonante o transfer (vite + pistone), teste multicolore o bi-componente (sandwich structure). L’offerta comprende anche isole di lavoro composte da più presse asservite da robot antropomorfi per la produzione di articoli multicolore e presse verticali con e senza colonne con tavola traslante o rotante a due metà stampo inferiori.

Le Non Standard Tecnology proposte dall’azienda, spesso coperte da impegni di segretezza, difficilmente possono essere esposte alle varie manifestazioni di settore alle quali l’azienda puntualmente partecipa. Spesso le macchine esposte non evidenziano il meglio delle soluzioni, ma sono sicuramente rappresentative di una tecnologia che lascia intravvedere soluzioni performanti dal punto di vista della produttività e della flessibilità, anche integrate da sistemi automatizzati e controllati da remoto.

Da sempre il concetto di rotativa rappresentato dall’abbinamento di uno o più gruppi di iniezione a un “carosello” di stampi rappresenta il più importante punto di forza di Presma. Al K2019 (Pad 15, Stand C57) l’azienda espone infatti una “rotativa” Full Electric specifica per la produzione di tappi a uso enologico in termoplastici espansi, dotata di un nuovo azionamento della tavola portastampi e di un inedito sistema di apertura/chiusura stampi che risolve alcune problematiche recentemente sorti nella produzione di particolari tappi a T per distillati. La pressa esposta, che rappresenta un’evoluzione della gamma di attrezzature specifiche per il settore, è composta di quattro versioni per produttività e da diverse versioni sia ibride sia completamente elettriche, attrezzate per lo stampaggio in bimateriale/bicolore e su inserto.

Allo stand è in mostra anche una gamma di prodotti in termoplastici co-iniettati e riciclati di grandi dimensioni realizzati con le Large Size Rotary Machines, rigorosamente Made in Italy come tutte le soluzioni da sempre proposte dall’azienda lombarda.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here