New normal, nuovi elettrodomestici

L’attenzione al mutamento delle abitudini quotidiane aiuta a individuare tipologie innovative di oggetti, modellati in risposta a nuove esigenze. Electrolux, da sempre, particolarmente attiva su questo fronte ha immaginato degli elettrodomestici da creare ex-novo per l’era post Covid-19. Per disegnarli si è affidata alla mente aperta e curiosa dei giovani progettisti che frequentano il master in Advanced Product Design dell’Università svedese Umeå Institute of Design. «L’emergenza sanitaria ci ha costretto a trascorrere più tempo in casa, spostando la nostra attenzione alla qualità, alle prestazioni e al design degli elettrodomestici, ma anche alla sanificazione» sottolinea Thomas Johansson, Design Director di Electrolux. «La partnership con la generazione emergente dei progettisti ha dato alla luce quattro interessanti soluzioni per migliorare lo spazio-casa nei momenti difficili». Progetti dove le materie plastiche giocano un ruolo di primo piano.

Privacy e aria purificata: lo smart worker può trincerarsi dietro l’elemento divisorio Vika di Mathilda Karlsson, Marian Dembkiewicz e Arvind Sushil

Tra questi c’è Vika, l’elemento divisorio pieghevole attrezzato per il lavoro tra le mura domestiche progettato da Mathilda Karlsson, Marian Dembkiewicz e Arvind Sushil. Non solo ripara lo smart worker almeno in parte dalle potenziali distrazioni provenienti dalle persone con cui condivide lo spazio, ma purifica anche l’aria della sua area operativa. Al momento di staccare, il divisorio si ripiega e si mette via, creando una simbolica cesura tra l’orario di lavoro e il resto della giornata da dedicare a noi stessi e ai nostri cari, con i quali – in tempo di pandemia – si trascorre gran parte della giornata.

Tè e spuntino video condiviso: il concept Fika from Afar di Sydney Eilbacher, Jovan Vulic e Nathanael Boell associa un bollitore a un’app

Per condividere i momenti liberi con le persone esterne al nucleo familiare, evitando l’isolamento sociale, Sydney Eilbacher, Jovan Vulic e Nathanael Boell hanno pensato a Fika from Afar, un concept che connette un bollitore per il tè o il caffè con un’app per videochiamate utile a scambiarsi appuntamenti, ma anche suggerimenti su fragranze e sapori, e rendere più intima e coinvolgente la condivisione di un’esperienza.

Mobile posa oggetti e stazione di disinfezione tramite emissione di radiazioni UV-C ed erogazione di detergente: Muhō è un progetto di Stijn van Cuijk, Jakob Kohnle e Laurenz Simonis

Sul fondamentale tema dell’igiene, invece, si sono concentrati Stijn van Cuijk, Jakob Kohnle e Laurenz Simoni. «Come mai prima d’ora, la disinfezione è il rifugio dai rischi del mondo esterno: non solo le mani, ma anche gli oggetti che portiamo con noi quotidianamente, come chiavi, telefono, portafogli, devono essere disinfettati in modo opportuno» spiegano i designer presentando il loro progetto Muho. «Si tratta di un arredo smart da posizionare all’ingresso della casa per lavarsi le mani con un prodotto liquido e igienizzare gli oggetti grazie all’emissione di radiazioni vicine agli UV-C, di comprovato potere battericida».

Lavaggio, disinfezione e asciugatura di frutta e verdura fresche in un unico elettrodomestico: Elepsy è un progetto di Sinan Altun, Yilin Lyu e Yuchen Lan

Elepsy si occupa invece della pulizia di frutta e verdura fresche. Il concept, firmato da Sinan Altun, Yilin Lyu e Yuchen Lan, rimanda a un elettrodomestico dal design elegante composto da caraffa, alzata e apparecchio per il lavaggio, la disinfezione e l’asciugatura di vegetali senza sprechi d’acqua.