Torna il sereno sul manifatturiero

Le imprese della manifattura italiana confermano il trend positivo del settore avviato a partire dallo scorso anno. Come rilevato dall’Istat, la produzione industriale in tutto il 2021 ha già toccato quota +11,8% sul 2020, portando il PIL al 6,6%, segnale di un cambio di passo decisivo e orientato alla crescita. L’Osservatorio Mecspe di Senaf sul III quadrimestre 2021, l’analisi volta ad approfondire lo stato di salute dell’industria in Italia, conferma questo trend. Nonostante un calo della fiducia nei confronti dello scenario politico ed economico italiano e la difficoltà avvertita da quasi quattro aziende su dieci nell’accesso alle materie prime, circa sette imprese su dieci si ritengono soddisfatte dell’andamento attuale, con un portafoglio ordini adeguato ai livelli di sostenibilità finanziaria (75%). Nel 2021 migliora anche il fatturato rispetto al 2020 (per il 72% degli imprenditori), con una previsione di ulteriore crescita per due terzi del campione.

Strategie di crescita

Un’ondata di positività che si riflette sulla decisione di oltre ben otto aziende su dieci di avviare un percorso di crescita nei prossimi due anni. Nel dettaglio, il 31% vorrebbe aumentare le dimensioni dell’azienda, il 23% intende ampliare la produzione allargando a nuovi settori e il 15% punterà sull’internazionalizzazione. A tal fine, se per la maggior parte delle imprese (50%) le principali fonti di reperimento del credito sono capitali propri già disponibili, per un’altra importante quota (30%) queste sono ottenibili attraverso la partecipazione a bandi pubblici, anche europei. Una su dieci valuta invece l’ingresso di nuovi soci e l’8% di un fondo. Guardare al futuro significa anche pianificare strategie aziendali che implicano operazioni straordinarie di M&A, valutate come attuabili dal 41% del campione sia nel breve periodo, attraverso fusioni e acquisizioni aziendali (25%), sia nel lungo periodo (17%). Per costruire questo percorso di crescita nell’ottica di adeguamento 4.0 delle imprese della manifattura italiana, è necessario continuare a investire e approfondire le principali novità tecnologiche in ambito di digitalizzazione, formazione e sostenibilità. Queste direttrici, fondamentali per l’espansione del settore, saranno oggetto di numerose iniziative nell’ambito della 20ª edizione di Mecspe, la fiera dedicata alle tecnologie innovative per l’industria manifatturiera che si terrà a BolognaFiere dal 9 all’11 giugno 2022.

Digitalizzazione: le aziende guardano al PNRR

Le imprese si interessano sempre di più ai fondi del PNRR, di cui l’Italia percepirà un’ingente quota durante la primavera, ma resta basso il grado di conoscenza rispetto alle opportunità in campo (solo il 15% li conosce bene). Mecspe gioca in questo caso un ruolo di importante connettore tra il mondo delle istituzioni e le imprese manifatturiere.

Anche durante la nuova edizione di giugno, una particolare attenzione sarà dedicata al mondo dei Competence Center e Digital Innovation Hub, in vista del nuovo round di finanziamento che percepiranno dal PNRR. I Competence Center saranno parte attiva grazie alla loro presenza all’interno dell’iniziativa di punta della fiera, la Mecspe Live Academy, dopo l’esperienza positiva dell’ultima edizione che li ha avvicinati al settore manifatturiero, nonostante siano ancora poche (9%) le imprese che collaborano con essi. Eppure, nel 74% dei casi la strada della digitalizzazione è stata già intrapresa ed è in ascesa (in particolare per il 40% delle imprese), con investimenti crescenti in ambito di sicurezza informatica (41%), robotica collaborativa (28%) e Internet of Things (23%). A questi aspetti sono dedicate alcune iniziative speciali dell’edizione 2022 della fiera, quali il Simulation Summit, la prima conferenza italiana indipendente sulla Simulazione CAE in ambito industriale, e il “Solution Award”, ovvero il Premio Innovazione Robotica per valorizzare la migliore applicazione robotica industriale o di servizio realizzata da aziende italiane, che si terrà per il settimo anno consecutivo.

Non c’è crescita senza competenze

L’Osservatorio conferma la centralità della formazione per la manifattura, in quanto il 51% delle aziende individua il bagaglio di competenze del personale come essenziale per crescere. Non solo, il 71% ha già assunto, formato o prevede di integrare nuove figure con competenze adeguate a realizzare la trasformazione 4.0. Proprio questo aspetto è approfondito nella Mecspe Live Academy, la nuova iniziativa speciale di punta dell’edizione 2022, realizzata insieme alle aziende e ai Competence Center, che si concretizza come uno spazio in cui tutti, inclusi i ragazzi tra i 18 e i 24 anni di età, potranno vedere da vicino il funzionamento di processi che coinvolgono macchine, additive manufacturing, automazione e robotica, incrociando le tematiche della progettazione, digitalizzazione, sostenibilità e alleggerimento.

Imprese sempre più eco-responsabili

Oggi non c’è crescita senza sostenibilità, e di questo tutto il comparto è ben consapevole, dando prova di realismo e responsabilità. La strada è in salita, ma il 39% delle aziende rispondenti all’Osservatorio Mecspe si ritiene già sostenibile grazie alla messa in campo di azioni specifiche, quali l’uso di dispositivi a basso consumo energetico, l’acquisto di macchinari e/o impianti efficienti di nuova generazione e l’installazione di impianti di produzione di energia elettrica e termica da fonti rinnovabili. Meno soddisfacente è invece il livello di conoscenza dei criteri ambientali, sociali e di governance che definiscono il nuovo comportamento virtuoso delle imprese (i criteri ESG). Questi rappresentano i parametri attraverso cui valutare l’impatto di un’attività imprenditoriale e saranno sempre più decisivi per poter attrarre investimenti e migliorare la reputazione dell’azienda.

Eppure, ancora solo un’impresa su tre (33%) li conosce. Si rende importante quindi il confronto tra gli attori del settore per velocizzare lo sviluppo di buone pratiche.
A questo scopo, anche nel 2022, Mecspe dedica ampio spazio alle strategie aziendali che adottano una politica green con il Percorso ECOfriendly – “Io faccio di più” e con l’Area Progettazione e Design by Materioteca, dedicata al tema della leggerezza, declinato come uno dei fattori fondanti della sostenibilità. L’area presenterà una selezione di esempi che illustreranno le strategie del “progettare leggero” e del contenimento degli impatti sull’ecosistema durante il ciclo di vita dei manufatti.

Il tema della sostenibilità sarà fondamentale anche per Metef, l’expo internazionale che affiancherà Mecspe valorizzando l’alluminio e il manifatturiero avanzato competitivo ed ecosostenibile.

Nota metodologica: L’Osservatorio Mecspe è stato condotto da GRS Ricerca e Strategia su un campione di 980 aziende italiane del manifatturiero, utilizzando il metodo CAWI (Computer Assisted Web Interviewing).