Macchine speciali per la saldatura dei manicotti all’estremità dei tubi

Condividi

Sin dal 2012, in seguito all’acquisizione del marchio Primac, Baruffaldi Plastic Technology ha iniziato ad ampliare la propria gamma di prodotti con diversi macchinari posti alla fine delle linee per la produzione dei tubi in plastica, come per esempio: unità di taglio, fessuratrici e perforatori, sistemi per la ricopertura di tubi da drenaggio con TNT, bicchieratrici con saldatura del manicotto e macchine speciali customizzate.

Di particolare rilevanza è il progetto relativo alle macchine SRM e IAM-S per la giunzione del manicotto all’estremità del tubo. Entrambe le macchine possono lavorare sia in linea, dopo la taglierina, che fuori linea. Nella versione in linea, dopo il taglio, il tubo viene traslato dalla linea di estrusione al bancale della macchina, dove un dispositivo automatico “pick-and-place” posiziona il manicotto all’estremità del tubo. Il tempo di saldatura ed evacuazione è sincronizzato con la velocità di estrusione.

In questi giorni, alla fiera Plast di Milano (stand B101, padiglione 13), Baruffaldi sta esponendo in maniera originale, con l’aiuto dell’additive manufacturing, la versione in linea della SRM (nella foto d’apertura, ndr).

Caratteristiche e differenze tra SRM e IAM-S

Modello SRM-800-1200-6-CM-OL con tubo corrugato

La differenza tra le due macchine consiste nel fatto che la SRM è una saldatrice a riporto di materiale adatta a tubi corrugati, che salda il manicotto al tubo grazie a un estrusore monovite posizionato su un braccio. La IAM-S, invece, è una saldatrice a frizione per tubi sia lisci che corrugati, che inserisce e salda il manicotto sul tubo attraverso un sistema a frizione in cui il manicotto ruota attorno al tubo, mantenuto in posizione da morse speciali. Inoltre, la macchina è equipaggiata con un dispositivo per testare automaticamente la qualità della saldatura, scartando i tubi difettosi.

Le SRM e IAM-S Baruffaldi saldano il manicotto velocemente e in maniera affidabile. La saldatura mantiene la sua integrità anche se il tubo viene immagazzinato per lungo tempo, o posizionato in maniera scorretta. La rigidità del manicotto ne impedisce anche l’ovalizzazione.

Queste saldatrici per manicotti coprono, nelle varie versioni/dimensioni, una vasta gamma di diametri di tubi, dall’OD 32 mm all’OD 630 mm per la IAM-S e dall’OD 110 mm all’OD 1400 mm per la SRM. I tubi possono essere di qualsiasi lunghezza, fino a 12 metri. Inoltre, i tecnici Baruffaldi possono customizzare ogni macchina per soddisfare le esigenze specifiche del cliente.

Inserimento della guarnizione e piattaforma Smart Industry

A completamento della gamma, la saldatrice può essere equipaggiata con l’unità automatica IAG, che preleva la guarnizione in gomma dal magazzino e la inserisce all’interno della prima gola di corrugazione. Inoltre, Baruffaldi propone vari sistemi di gestione dei tubi dopo la saldatura, in base alle esigenze produttive del cliente e ai suoi spazi di produzione, come per esempio: il sistema di scarico sotto alla macchina, o il palettizzatore. Non da ultimo, tutte le macchine Baruffaldi sono equipaggiate con la piattaforma aziendale Smart Industry per l’Industria 4.0, che permette all’utente di leggere facilmente i dati di produzione e di ricevere assistenza remota immediata in caso di problemi.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare