Maag Pump Systems si riorganizza

Negli ultimi anni, il gruppo svizzero Maag Pump Systems ha conosciuto una rapida espansione frutto anche di acquisizioni che hanno ampliato la gamma di soluzioni di processo rivolte alle industrie dei polimeri, petrolchimica, chimica, farmaceutica e alimentare. Operazioni che hanno reso necessaria una riorganizzazione, con l’introduzione del “brand ombrello” Maag Group, al quale faranno capo le controllate Automatik, Ettlinger, Gala, Maag, Reduction e Scheer, oltre al riassetto delle attività in quattro principali aree di competenza: pompe e sistemi di filtrazione; pellettizzazione; polverizzazione e riciclo.

La nuova organizzazione viene presentata a Düsseldorf, in occasione del K2019, insieme con gli ultimi sviluppi tecnologici nelle quattro aree di attività.

«Il riallineamento mirato al mercato, con la suddivisione dei nostri servizi in quattro aree di competenza, contribuirà significativamente all’ulteriore crescita internazionale di Maag Group nei prossimi anni» dichiara Ueli Thuerig, presidente dell’azienda. «Con la nuova strategia del marchio ombrello vogliamo rafforzare la percezione del nostro brand sul mercato. I marchi dei prodotti sono già affermati e godono di grande fiducia da parte dei clienti, pertanto continueranno a essere visti come leader nei rispettivi segmenti di mercato».

Con la strategia del marchio ombrello vogliamo rafforzare la percezione del nostro brand sul mercatoUeli Thuerig

«Attraverso l’integrazione di tutti i marchi dei prodotti sotto l’ombrello Maag Group, ci ripromettiamo di acquisire un’ulteriore capacità innovativa nelle tecnologie di punta, standard ancora più elevati nei nostri servizi di post-vendita a livello globale e soluzioni ancora più efficienti per i nostri clienti nel campo della produzione, della lavorazione e del riciclo dei polimeri» aggiunge Thuerig.

Maag Group, controllata da Dover Fluids, a sua volta divisione di Dover Corporation, occupa un migliaio di addetti negli stabilimenti di produzione in Svizzera, Germania, Italia, Stati Uniti e Cina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here