Incentivi per le imprese che puntano su ambiente, riciclo e post consumo

ricicloTra le misure di maggiore interesse del Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) si segnalano quelle inerenti la gestione dei rifiuti (prevenzione, riciclaggio e recupero) e quelle relative alla bonifica dall’amianto. Il credito d’imposta per la bonifica dell’amianto diventa operativo nel corso di maggio 2016, grazie a un decreto già firmato, mentre sempre tra maggio e luglio 2016 saranno attuati gli strumenti per lanciare gli incentivi per l’acquisto dei prodotti derivanti da materiali post consumo o dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi.

Nuovi incentivi per i materiali derivanti da riciclo e/o riuso
Al fine di incentivare il risparmio e il riciclo di materiali attraverso il sostegno all’acquisto di prodotti derivanti da materiali riciclati post consumo o dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi, il Ministro dello Sviluppo Economico prevede appositi accordi e contratti di programma. Tali accordi saranno stipulati con le imprese che producono beni derivanti da materiali post consumo riciclati o dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi, con priorità per i beni provenienti dai rifiuti, con le associazioni di categoria, ivi comprese le associazioni di aziende che si occupano di riuso, preparazione al riutilizzo e riciclaggio. Gli accordi potranno essere stipulati anche con associazioni senza fini di lucro, di promozione sociale nonché con imprese artigiane e imprese individuali e con i soggetti incaricati di svolgere le attività connesse all’applicazione del principio di responsabilità estesa del produttore. Gli accordi prevedono incentivi per la commercializzazione degli stessi prodotti da parte delle imprese e azioni premianti per l’utilizzo dei prodotti nell’ambito di lavori pubblici.

Credito d’imposta per la bonifica dell’amianto
Il Collegato Ambientale, al fine di concorrere alla tutela e alla salvaguardia della salute e dell’ambiente, riconosce ai soggetti titolari di reddito d’impresa che effettuano nell’anno 2016 interventi di bonifica dall’amianto su beni e strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato, un credito d’imposta nella misura del 50% delle spese ammissibili sostenute per i predetti interventi di bonifica. L’agevolazione è concessa nel limite di spesa complessivo di 5,667 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019. Il credito d’imposta non spetta per gli investimenti di importo unitario inferiore a 20.000 euro, è ripartito e utilizzato in tre quote annuali di pari importo e va indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta di riconoscimento del credito e nelle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi di imposta successivi nei quali il credito è utilizzato. Esso non concorre alla formazione del reddito né della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive. La prima quota annuale è utilizzabile a decorrere dal 1° gennaio 2017. Ai fini della fruizione del credito d’imposta, il modello F24 è presentato esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.
Le risorse saranno assegnate con apposito bando telematico. Le imprese interessate devono prepararsi al click day.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here