Efficienza energetica, sostenibilità e digitalizzazione come driver di sviluppo, secondo Moretto

Condividi

Tante le tematiche che Moretto affronterà durante la prossima edizione della fiera Plast, presso il suo stand di 400 metri quadri A81/B82, nel padiglione 22. Si va dalle innovazioni che puntano alla valorizzazione dell’uomo e del suo lavoro fino a un processo di digitalizzazione che ha coinvolto tutti i rami dell’azienda veneta, migliorando l’efficienza e i tempi di risposta del servizio d’assistenza.

La fiera darà anche l’opportunità di fare il punto sullo stato dell’arte nel mondo della trasformazione delle materie plastiche, settore che sta vivendo una fase di cambiamento radicale per effetto delle nuove tecnologie, delle rinnovate tendenze dei consumatori e delle esigenze di un mercato sempre in evoluzione.

L’efficienza energetica diventa motore di sviluppo

La rivoluzionaria tramoggia OTX (Original Thermal eXchanger) sviluppata da Moretto

Uno dei driver di sviluppo strategico di Moretto è l’efficienza energetica, garantita attraverso i propri prodotti. La tramoggia per la deumidificazione OTX, ad esempio, è il risultato dell’ingegno e di sofisticate simulazioni matematiche, che hanno permesso di analizzare la geometria, la fluidodinamica, la termodinamica e il “material flow” del granulo plastico grazie al supporto del super computer Leonardo, capace di 22000 miliardi di operazioni al secondo. OTX assicura un flusso regolare del materiale garantendo una corretta essicazione di ogni singolo granulo in trattamento. Inoltre, l’ottimizzazione dei parametri di processo ha permesso, a parità di produzione oraria, di ridurre del 40% le dimensioni della tramoggia, l’airflow e il tempo di trattamento. La riduzione delle dimensioni della tramoggia è stata possibile grazie all’efficienza energetica di OTX, migliorata del 66% a parità di capacità produttiva. Perché OTX non è una semplice tramoggia, ma un concentrato di 7 brevetti che assicura una perfetta esecuzione del processo di deumidificazione con il pieno controllo di tutti i parametri di lavoro. In virtù delle sue caratteristiche, OTX può essere considerata a pieno titolo come una “tramoggia macchina.

Ma i vantaggi non finiscono qui: l’impiego di una tramoggia più piccola permette l’utilizzo di un dryer più piccolo. Con l’obiettivo di realizzare una macchina in grado di utilizzare la minor quantità di energia possibile, Moretto ha sviluppato il progetto turbocompressore Hyper Flow, capace di generare fino a 2400 m3/h di aria tecnologica. Disponibile su 17 modelli, Hyper Flow rappresenta una piccola rivoluzione del progetto dryer, per esempio sulle serie 800 e su tutta la gamma X Dryer serie 20. Un generatore da 1200 m3/h con pompe a canali laterali, in funzionamento continuo, consuma 16,5 kW/h, mentre un turbocompressore Hyper Flow consuma soli 4,8 kW/h per le stesse performance, garantendo un risparmio economico pari a 35800 euro all’anno. Questo è solo l’ultimo tassello di un progetto che conta oltre 32 anni di sviluppo e innovazione, che si possono riassumere in: X Technology; eliminazione dell’acqua di raffreddamento; movimento elettrico delle valvole di scambio; recupero energetico totale; tramoggia OTX; Moisture Meter; turbocompressore Hyper Flow.

L’uomo al centro

Il marchio etico OMS&P, simbolo delle soluzioni tecnologicamente avanzate di Moretto

Seguendo i segnali del mercato, Moretto ha orientato il proprio modello di business investendo nella relazione uomo-macchina, una delle leve più importanti per continuare a essere competitivi e innovativi. Questo ha permesso all’azienda veneta di considerare la centralità dell’uomo all’interno della propria realtà per la transizione verso quella che gli esperti chiamano “Industria 5.0”. Con il modello precedente, quello di “Industria 4.0”, il fulcro era rappresentato dalla digitalizzazione e dall’interconnessione dei sistemi, ora l’obiettivo è sviluppare tecnologie che semplifichino l’interazione tra uomo e macchina. L’uomo migliora le proprie competenze e l’efficacia delle proprie azioni grazie all’utilizzo della tecnologia, riducendo al minimo la ripetitività delle operazioni e migliorando l’esperienza di utilizzo. L’essere umano mantiene un ruolo essenziale nella pianificazione, nell’organizzazione e nella gestione delle attività produttive avvalendosi del supporto di macchinari automatizzati e robot di ultima generazione. La piena integrazione tra l’ingegno dell’uomo e la tecnologia consente all’azienda di realizzare prodotti innovativi e all’avanguardia, in grado di rispondere alle esigenze dei clienti in termini di qualità e affidabilità.

La centralità dell’uomo è il fondamento della filosofia Moretto, che già da anni ha dotato i suoi prodotti più tecnologicamente avanzati del marchio etico OMS&P, il cui simbolo è rappresentato dall’uomo vitruviano di Leonardo da Vinci, espressione dei valori di inventiva e genialità che caratterizzano anche l’attività dell’impresa di Massanzago (Padova). Proprio questi valori hanno guidato Moretto verso lo sviluppo di un’offerta che esalta la creatività e l’intelligenza del capitale umano, da sempre motore dell’innovazione e del successo dell’azienda.

La digitalizzazione che migliora il servizio assistenza

Il processo di digitalizzazione avviato dal costruttore veneto sta portando enormi benefici anche al servizio di assistenza post vendita

Oltre al ruolo centrale dell’uomo, la digitalizzazione dei processi e dei servizi rappresenta un altro elemento cardine della strategia imprenditoriale Moretto. Le continue evoluzioni del mondo moderno e la necessità di fornire ai clienti una risposta in tempi rapidi hanno accelerato il bisogno di dotarsi di strumenti digitali per migliorare ancora di più il servizio offerto. Per Moretto, il servizio di assistenza rappresenta un vero e proprio impegno nei confronti dei clienti ed è per questo che l’azienda lo garantisce in tutto il mondo, attraverso tecnici formati e specialisti del settore. Un elevato livello di servizio è inoltre garantito dalla dotazione, nel corso degli anni, di magazzini automatici, software gestionali e piattaforme online che permettono la risoluzione in tempo reale della questione in corso.

Nel processo di evoluzione digitale e di miglioramento del servizio rientra anche il progetto QR Code, che ha l’obiettivo di fornire alcune utili informazioni al cliente supportandolo fin dalle prime fasi del suo acquisto. Il suo funzionamento è semplice e intuitivo: usando il proprio telefono cellulare e inquadrando il QR Code presente sulla macchina, l’utilizzatore ha la possibilità di accedere a una serie di servizi ad alto valore aggiunto, come utili informazioni sulla macchina, video tutorial, la lista dei ricambi consigliati e tanto altro.

La sostenibilità come driver strategico di sviluppo

I temi della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente sono da sempre due elementi distintivi che caratterizzano il modus operandi di Moretto

L’adozione di un approccio produttivo in linea con i dettami dell’economia circolare ha indirizzato le attività del gruppo Moretto nel corso degli anni. La sostenibilità e il risparmio energetico fanno parte stabilmente della filosofiaaziendalee vengono sviluppati attraverso tecnologie che tengono conto delle esigenze dei trasformatori, ma anche dell’ambiente e della comunità in cui viviamo.

Nell’ottica di ridurre l’impatto ambientale, l’azienda ha scelto di utilizzare all’interno dei propri stabilimenti solo energia proveniente da fonti rinnovabili, come testimonia l’adesione al progetto “100% energia pulita” di Dolomiti Energia.

L’interesse crescente attorno a queste tematiche ha indotto governi e istituzioni di tutto il mondo a ripensare l’uso della plastica, promuovendo pratiche e normative che ne permettano il riutilizzo all’interno di un nuovo processo produttivo. Il settore delle materie plastiche sta compiendo importanti passi in avanti sul tema e anche Moretto dà ogni giorno il suo contributo cercando di fornire soluzioni che permettano di ridurre l’impiego di materie prime provenienti da risorse esauribili. Lo sviluppo di macchinari adatti per il riciclo non è solo un dovere per i trasformatori di materie plastiche, ma anche una necessità nei confronti dei clienti che richiedono soluzioni adatte sia ai materiali vergini sia a quelli con elevate percentuali di riciclato.

Alcune delle innovazioni Moretto al Plast

Deumidificatore X Comb, a elevata efficienza energetica, con tramoggia OTX

La deumidificazione è uno dei segmenti strategici per Moretto, grazie a soluzioni che negli anni hanno conquistato i clienti più esigenti coniugando elevate performance tecniche a bassi consumi energetici. Questi requisiti trovano la massima espressione in X Comb, l’ultimo nato nella gamma dei deumidificatori che da subito ha risposto alle esigenze dei trasformatori grazie alle dimensioni compatte, che lo rendono adatto per il trattamento di piccole quantità di polimeri tecnici altamente igroscopici. Un prodotto dall’elevata efficienza energetica che rappresenta la soluzione ideale per settori esigenti dal punto di vista produttivo, come il medicale, l’ottico e l’elettronico.

Il successo di un processo di deumidificazione risiede molto spesso nei piccoli dettagli, dove anche una minima quantità di polimeri non essiccati correttamente può compromettere inevitabilmente la qualità della stampata finale. Moisture Meter nasce con l’intento di poter eliminare totalmente questo problema, grazie alla possibilità di rilevare la percentuale di umidità residua del polimero senza necessità di campionamenti off-line. Moisture Meter è in grado di fornire all’operatore in tempo reale il valore di umidità del granulo plastico dopo l’essicazione, permettendo di porre rimedio nel caso in cui la resina non sia stata correttamente trattata e “salvando” il processo di trasformazione. È disponibile in diverse versioni, a seconda del tipo d’installazione e alla produzione oraria del polimero da trattare.

Un altro processo che richiede grande precisione per ottenere un prodotto di qualità dal punto di vista tecnico ed estetico è il dosaggio. Moretto dispone di una gamma di dosatori ampia e completa, di cui fa parte anche DGM Gravix 20: il nuovo dosatore gravimetrico a batch sviluppato specificatamente per il dosaggio ad alta precisione di piccole percentuali di materiale. La serie 20 è costruita sul modello della serie Gravix (vedi foto d’apertura, ndr), presentandosi con un design rinnovato che migliora il flusso di caduta del granulo. Configurabile tramite un comodo touch view e dotato delle connessioni Modbus RS485, USB ed Ethernet, mantiene le caratteristiche tecniche che hanno contraddistinto i dosatori della linea Gravix.

Le soluzioni per lo stoccaggio e la gestione dei processi

Grazie a Silcontrol, il materiale, identificato tramite un apposito lettore di codici a barre, viene abbinato al corretto silo di stoccaggio

L’approvvigionamento della materia prima rappresenta una fase cruciale nella lavorazione delle materie plastiche ed è per questo che le soluzioni per lo stoccaggio ricopriranno un ruolo di primo piano nello stand alla fiera Plast.

Oktobag risponde alle esigenze dei trasformatori che vogliono un sistema automatico per lo svuotamento di octabin e big-bag. L’aggancio del sacco avviene attraverso 4 pinze a gravità che, con un movimento ondulatorio, portano il granulo plastico al centro, dove una sonda aspirante provvederà a recuperarlo.

Nella linea per lo stoccaggio è presente anche Silcontrol, il sistema progettato e sviluppato per il controllo del caricamento di granulo plastico all’interno dei silos di stoccaggio. Il materiale, identificato tramite un apposito lettore barcode, viene abbinato al silo corretto interrogando il database. Grazie a questa procedura, Silcontrol ha l’obiettivo di evitare errori, anche umani, nella fase di caricamento del materiale.

L’interconnessione delle macchine e la gestione della grande mole di dati generata all’interno degli stabilimenti ha spinto Moretto a sviluppare Mowis, la piattaforma software sviluppata in-house per il controllo e la gestione dei processi all’interno dell’impianto di trasformazione. Uno strumento modulare e autoconfigurabile, utilizzabile in situ o da remoto, che, tramite protocollo OPC-UA, realizza una connettività totale tra macchine, processi, reparti e impianti e consente di gestire sistemi molto complessi in maniera ottimizzata e intuitiva.


Sfoglia la rivista

  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ambiente

PMI e sostenibilità, un passo alla volta

Le piccole e micro imprese sono consapevoli dell’importanza della sostenibilità, ma faticano a realizzarla perché disorientate. Per evitare perdite di tempo e risorse occorre muoversi con razionalità,

Ausiliari

Barra a dritta con New Aerodinamica

Una Pasqua indimenticabile per il team di New Aerodinamica, che, per celebrare i primi quarant’anni della sua avventura industriale, ha “salpato le ancore” per una