Dow completa la separazione da DowDuPont

Dopo la fusione di Dow e DuPont in DowDupont, incominciano a prendere vita le tre società indipendenti previste dal piano di riorganizzazione: Dow, DuPont e Corteva Agriscience. La prima a nascere è Dow, che ha iniziato le regolari operazioni di trading alla Borsa di New York (NYSE) il 2 aprile 2019, mantenendo il nome di “Dow” ed entrando a far parte dell’indice Dow Jones Industrial Average (DJIA). La distribuzione delle azioni ordinarie Dow è stata completata l’1 aprile dopo la chiusura dei mercati, con l’assegnazione a ciascun azionista di DowDuPont di un’azione ordinaria Dow per ogni tre azioni di DowDuPont detenute in data 21 marzo 2019. Gli azionisti di DowDuPont riceveranno anche una somma in denaro contante corrispondente alle quote delle azioni Dow frazionate.

La nuova Dow concentrerà la propria specializzazione nella scienza dei materiali – etilene, propilene e siliconi – in tre segmenti orientati ai consumatori: Packaging, Infrastructure e Consumer Care. La società possiede 38 stabilimenti produttivi in 15 Paesi in Europa, Medio Oriente, Africa e India, con vendite nette proforma pari a 17,4 miliardi di dollari nel 2018. Al timone c’è Jim Fitterling, chief executive officer, che ha dichiarato: «Abbiamo effettuato cambiamenti significativi al portfolio, alla struttura dei costi e all’approccio della Società. La nuova Dow è più snella e focalizzata con una chiara strategia volta a conseguire la crescita degli utili a lungo termine e la creazione di valore per tutti gli stakeholder». Pur mantenendo l’iconico diamante – logo della società da oltre 120 anni – Dow ha adottato il nuovo brandline “Seek Together”, invito all’azione che evidenzia il valore della collaborazione nel generare innovazione e soluzioni per i clienti e le catene di valore.

In Italia, Dow è presente dal 1960 e oggi impiega circa 450 dipendenti in cinque sedi, inclusi quattro siti produttivi a Correggio (Reggio Emilia), Mozzanica (Bergamo), Mozzate (Como) e Parona (Pavia), a servizio dei clienti nei settori Consumer Care, Infrastructure e Packaging.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here