Debutta a Mecspe la quinta generazione di presse Haitian

Condividi

La lavorazione ideale delle materie plastiche, e soprattutto “a prova di futuro”, dovrebbe combinare la qualità e l’efficienza alla sostenibilità delle soluzioni produttive. Secondo Haitian International l’intelligenza digitale è la chiave per raggiungere tale obiettivo. Per questo, i suoi ingegneri lavorano costantemente per migliorare la tecnologia delle proprie macchine per lo stampaggio a iniezione. Uno dei risultati più recenti di questo sviluppo, presentato in anteprima mondiale alla fiera Chinaplas 2023 di Shenzhen, è la quinta generazione (G5) della famiglia completa di macchine Haitian e Zhafir caratterizzata dalle sigle: VE5 (per Venus), ZE5 (per Zeres), MA5 (Mars) e JU5 (Jupiter).

La pressa ad azionamento elettrico Zeres V 1500 sarà esposta presso lo stand di Haitian MM Italy a Mecspe 2024

“Dal Gennaio di quest’anno la generazione 5 può finalmente essere commercializzata anche in Italia e nel resto d’Europa”, ha dichiarato Davide Bonfadini, amministratore delegato di Haitian MM Italy. “In particolare, presso lo stand D22, pad. 36, di Haitian MM Italy alla fiera Mecspe (Bologna, 6-8 marzo 2024), i visitatori potranno osservare dal vivo e in funzione una macchina ad azionamento elettrico Zeres V di Zhafir Plastics Machinery (il marchio europeo di Haitian) e una macchina idraulica servoassistita Mars V di Haitian”.

Con forza di chiusura di 150 tonnellate e unità d’iniezione 640, la pressa elettrica stamperà un contenitore multiuso in PP, estratto dallo stampo grazie a un robot cartesiano della consociata Hilectro.

La seconda pressa idraulica servoassistita, con forza di chiusura pari a 90 t e unità d’iniezione 280, sarà invece allestita per lo stampaggio di un articolo tecnico. Entrambe le celle di produzione saranno realizzate in chiave d’Industria 4.0 e attrezzate con sistemi ausiliari e software avanzati, come Icon MES, per la raccolta e la gestione dei dati di processo.

Tecnologia smart

Tre modelli della nuovissima generazione cinque, disponibile in Europa dal gennaio di quest’anno

Grazie all’uso di algoritmi d’intelligenza artificiale (AI) e della più recente tecnologia dei sensori, Haitian ha ottenuto un’ottimizzazione intelligente dei processi produttivi, dotando le sue macchine della capacità di autodiagnosi, autoadattamento, autodecisione e addirittura di autoricostruzione. Inoltre, la G5 offre queste funzioni intelligenti come equipaggiamento standard:

  • HT Energy 2.0 consente la visualizzazione e la gestione dei consumi energetici.
  • HT Clamp 2.0 si basa su un algoritmo di autoapprendimento per movimenti di apertura e chiusura stampo più precisi.
  • HT Lubricate per il controllo intelligente della lubrificazione e l’impostazione “smart” dei parametri di lubrificazione.
  • HT Analysis per l’analisi in tempo reale di allarmi e guasti, con autoadiagnosi.

Integrazione flessibile

L’intelligente pressa a iniezione di Generazione 5 è anche dotata di serie di un’ampia gamma di d’integrazioni possibili. Le interfacce supportano una connessione efficiente con periferiche, unità d’automazione, sistemi di gestione ecc.

Con i dati a monte e a valle della filiera produttiva, viene così creato un sistema di produzione integrato che genera ampi vantaggi in termini di informazioni per gli stampatori, dallo stato dell’impianto al programma di produzione, dal controllo del processo alla tracciabilità della qualità, fino alla gestione dell’intero ciclo produttivo, compreso il consumo d’energia.

Soluzioni sostenibili, efficienza e competitività

L’amministratore delegato di Haitian MM Italy, Davide Bonfadini

“In qualità di leader di mercato nel settore delle macchine per lo stampaggio a iniezione di materie plastiche, Haitian International si è data priorità chiare anche in termini di responsabilità sociale, sostenibilità ambientale e conservazione delle risorse”, ha aggiunto Davide Bonfadini.

“Sviluppiamo continuamente tecnologie per il risparmio energetico e la riduzione dei consumi, promuovendo inoltre la riduzione delle emissioni di CO2 e fornendo innovazioni e soluzioni efficienti per la lavorazione dei materiali biodegradabili e riciclabili”.

“Grazie alla nostra esperienza e alle varie soluzioni smart, lavoriamo per ridurre ulteriormente i costi operativi degli stampatori, aumentando così la loro efficienza produttiva”, ha concluso il CEO di HMMI. “Anche i costi d’acquisto per le macchine Haitian e Zhafir rimangono tra i nostri criteri fondamentali. La produzione “in-house” da parte di Haitian dei componenti principali, l’attività di ricerca e sviluppo in stretta collaborazione con Haitian Drives Systems e Haitian Smart Solutions, le collaborazioni con i partner Hilectro e Formax sono infine sinonimo di soluzioni chiavi in mano da un’unica fonte”.

Riccardo Ampollini


Sfoglia la rivista

  • n.3 - Aprile 2024
  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ambiente

PMI e sostenibilità, un passo alla volta

Le piccole e micro imprese sono consapevoli dell’importanza della sostenibilità, ma faticano a realizzarla perché disorientate. Per evitare perdite di tempo e risorse occorre muoversi con razionalità,

Ausiliari

Barra a dritta con New Aerodinamica

Una Pasqua indimenticabile per il team di New Aerodinamica, che, per celebrare i primi quarant’anni della sua avventura industriale, ha “salpato le ancore” per una