Dal bambù italiano un’alternativa “vegana” alla pelle animale

Condividi

Umberto Bacenetti, CEO di Mabel Industries

Nata nel 1978 a Campi Bisenzio (Firenze) per la produzione di materiali sintetici coagulati e spalmati in poliuretano per i settori calzaturiero, pelletteria, arte legatoria e medicale, nel 2010 Mabel Industries si è poi convertita ai biomateriali. Dopo avere fondato la sua credibilità sulla produzione di materiale sintetico alternativo alla pelle, apprezzato dai più grandi stilisti internazionali a partire da Stella McCartney per la sua iconica borsa Falabella, continua inarrestabile la sua ricerca per rendere la propria produzione interamente circolare.

Oggi, infatti, Mabel estende l’offerta di materiali innovativi ampliando la linea Uppeal con la Bamboo Collection. Per farlo stringe una partnership strategica con Forever Bambù, leader in Italia nella creazione di foreste di bambù e già impegnata in varie filiere industriali con protagonista questa pianta dai mille utilizzi e potenzialità, anche in sostituzione di prodotti inquinanti.

Uppeal offre un’alternativa vegana, performante e duratura, alla pelle animale. Viene realizzata da Mabel grazie a una tecnologia proprietaria brevettata, utilizzando elementi naturali: gli scarti delle mele derivanti dall’industria dei succhi e delle marmellate e, dal 2024, anche da fibre di bambù.

Obiettivo: circolarità totale, filiera corta… e zero emissioni

L’amministratore delegato di Forever Bambù, Mauro Lajo

“La resistenza che il bambù sa dare al nostro biomateriale plant-based è inarrivabile”, commenta Umberto Bacenetti, CEO di Mabel Industries, che oggi supera i 50 dipendenti e che ha consolidato un fatturato di oltre 10 milioni nel 2022. “In più, noi attingiamo a materiale totalmente biologico che arriva da bambuseti italiani e che ha la caratteristica di assorbire la CO2 in quantità 36 volte maggiore rispetto a un bosco comune, trasformandola in fibra e rilasciando ossigeno. Trasformiamo una fibra naturale in materiale prezioso, degno delle migliori produzioni della moda Made in Italy. La circolarità che questa nuova applicazione di Uppeal può garantire è davvero straordinaria e la crescita velocissima della pianta ci fa puntare a volumi produttivi importanti”.

La nuova Uppeal Bamboo Collection, recentemente presentata alla fiera Lineapelle (Milano, 20-22 febbraio), è estremamente durevole e versatile grazie all’incessante attività di ricerca e sviluppo del prodotto e dei processi industriali che permette di offrire materiali ecologici di alta qualità e performanti.

“Siamo davvero felici di questa nuova partnership”, aggiunge Mauro Lajo, AD di Forever Bambù. “È l’infinita versatilità di quella pianta straordinaria che è il bambù gigante a colpirci: dal tessile, all’edilizia, dall’alimentare alla bioplastica e, oggi, un’alternativa di altissima qualità alla pelle, creata dalla parte cedua dei nostri bambuseti toscani per una perfetta circolarità, degna di Giotto… che non a caso era nato proprio da queste parti”.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ausiliari

Lati e Maag, insieme per crescere

Per decenni Lati ha prodotto e lavorato le materie termoplastiche ad alte prestazioni con macchine di sviluppo e produzione proprie. Successivamente si è affidata sempre

Congresso delle Materie Plastiche 2024

Compound su misura e sostenibili per l’automotive

Il settore automotive sta attraversando un periodo di cambiamento profondo nella progettazione e nello sviluppo di nuovi veicoli, condizionato prevalentemente dall’introduzione di nuove tecnologie di

Ambiente

Ambiente: un futuro oltre ai PFAS

Sintetizzate per la prima volta negli Anni Trenta, le sostanze per e poli fluoroalchiliche si sono sviluppate negli Anni Cinquanta e Sessanta per poi invadere