Cresce la raccolta differenziata in Lombardia

Sono oltre 797.000 le tonnellate di rifiuti di imballaggio differenziate in Lombardia durante il 2019, un risultato raggiunto anche grazie agli accordi sottoscritti tra i Comuni della regione e Conai. Un dato importante, che fa registrare un +11,41% rispetto al 2018 (715.367) e che colloca la Regione nella top five delle più virtuose, insieme a Marche, Sardegna, Trentino Alto Adige e Veneto. Alto il tasso pro capite di raccolta differenziata, che si attesta su 88,44 chilogrammi contro gli 85,75 della media nazionale.
Lo rende noto Conai – il consorzio nazionale degli imballaggi – nel tracciare bilancio e consuntivo delle performance green del paese nella raccolta degli imballaggi.

I dettagli della raccolta

Nel corso del 2019 i cittadini della Lombardia hanno conferito 374.643 tonnellate di vetro, 212.305 di plastica, 136.460 di carta, 35.565 di acciaio, 30.618 di legno e 7.415 di alluminio. Per coprire i maggiori oneri della raccolta differenziata, il Consorzio, sempre nel 2019, ha trasferito ai Comuni lombardi oltre 104.600 milioni e 600.000 euro. Una cifra in crescita del +12,63% rispetto agli oltre 92 milioni e 880.000 euro ricevuti nel 2018.

I dati pro-capite rivelano che la Lombardia si è assestata su numeri superiori alla media nazionale nei conferimenti di quasi tutti i materiali di imballaggio: ogni abitante ha conferito al sistema Conai una media di 4,49 chilogrammi di acciaio (la media italiana è di 3,79 kg), 3,75 chilogrammi di legno (la media italiana è di 3,35 kg), 21,82 di plastica (la media italiana è di 21,42 kg) e 38,45 di vetro (la media italiana è di 33,51 kg).

Le province Lombarde più virtuose

Lo sguardo sulle province offre un panorama diversificato a seconda del materiale di imballaggio considerato, con dati influenzati – come ogni anno – dalle convenzioni che i Comuni attivano con Conai tramite l’Accordo Quadro Anci-Conai. Nel dettaglio, la provincia di Cremona registra il pro-capite più alto per i conferimenti di imballaggi in acciaio: 13,32 kg. Seconda con 8,31 kg per abitante Bergamo, che occupa invece la prima posizione per i conferimenti di alluminio con 5,66 kg per abitante. Mantova svetta con il dato più alto per la carta – 31 kg per abitante – e per la plastica – 35,50 kg per abitante – mentre Brescia con 7,64 kg detiene il primato nel legno. Sondrio si posiziona al primo posto nella raccolta del vetro, con 52,67 chilogrammi per abitante conferiti al sistema Conai.