Con Timberland lo pneumatico diventa suola

La storia del “Timberland Tires”, lo pneumatico “eco” nato dalla partnership tra il noto brand della calzatura Timberland e il produttore asiatico di pneumatici Omni United, è stata riportata da importanti media online internazionali come uno dei più interessanti casi di sostenibilità aziendale del 2014. Sustainable Brands ha conferito al Timberland Tires l’Innovation Award, mentre Eco Business l’ho inserito nelle “5 top story della produzione” dell’anno appena concluso.

L’idea, nata qualche anno fa, quando Timberland era alla ricerca di progetti che potessero lanciare la sua immagine di sostenibilità, parte dal presupposto che il segmento degli pneumatici e quello delle suole assorbono la maggior parte della gomma sul mercato. Riciclare gli pneumatici esausti – il cui smaltimento rappresenta un serio problema ambientale – realizzando suole per scarpe e stivali è sembrata quindi la soluzione più semplice. Si è arrivati così alla formalizzazione del co-brand con Omni United e alla collaborazione con Liberty Tire Recycling, attiva nel recupero dei PFU in Nord America.

Gli pneumatici verranno prodotti negli Stati Uniti impiegando materiali nazionali e importati, e almeno inizialmente saranno distribuiti esclusivamente negli USA e online. La gamma Timberland Cross, la prima che verrà messa in commercio, prevede inizialmente 21 dimensioni per suv di piccole dimensioni e crossover, a partire dall’aprile 2015, mentre da settembre le misure diventeranno 35. La linea di calzature, invece, sarà disponibile a partire dal 2016.