Compounder globali nel tempo

Condividi

Si focalizzerà sul tema dell’internazionalizzazione, ma naturalmente anche sulla sua storica produzione di compound a base di poliammidi 6 e 6.6 (vergini e rigenerate), la presentazione di Poliblend by Ascend al prossimo Congresso delle materie plastiche, che si terrà l’8 novembre presso il Quark Hotel di Milano.

Il passato

Lo stabilimento principale di Mozzate (Como)

La parola “globale” identifica una mentalità aperta in tutti i campi delle decisioni aziendali. Poliblend by Ascend si è dimostrata globale già nei suoi primi anni, anticipando le strategie industriali che avrebbero poi permesso la sua crescita internazionale. Sul piano dei mercati, il consolidamento dei rapporti locali con clienti e fornitori ha fatto sì che il salto verso l’internazionalizzazione producesse risultati significativi con gli interlocutori di tutto il mondo.

La politica di formazione continua e crescente del personale è rivolta verso la valorizzazione delle competenze idonee ad affrontare i cambiamenti resi necessari da scenari in rapida evoluzione. Inoltre, Poliblend by Ascend si definisce “formulata per l’innovazione”: l’attenzione alla qualità, maturata attraverso la creazione di propri laboratori per il controllo delle materie prime e dei prodotti finiti, la continua ricerca, stimolata da una clientela ampiamente diversificata e bisognosa di produzioni dedicate, e le politiche ambientali, rispettose del solo mondo che abbiamo, hanno connotato l’azienda, facendone una realtà orientata verso il futuro: quello che vediamo oggi come presente.

Il presente

La recente installazione di nuove e più moderne linee d’estrusione per compound ha permesso d’incrementare l’operatività dei più recenti impianti di Poliblend by Ascend

Con l’acquisizione da parte di Ascend Performance Materials, il più grande produttore integrato di poliammide 6.6, Poliblend by Ascend si arricchisce e rende più completa la sua offerta già ampiamente diversificata.

La capacità di flessibilità del gruppo si riflette sia sulla composizione del portafoglio clienti, spaziando dall’automotive all’elettrico, fino all’edilizia, sia sulla produzione “on demand”, per la quale si studiano prodotti su misura per i trasformatori più esigenti.

Anche l’attenzione verso la sostenibilità della produzione rappresenta un asset strategico incrementato nel corso degli anni, soddisfacendo la crescente domanda di materiali riciclati e rigenerati. L’azienda ha così ottenuto la certificazione IPPR con il marchio “Plastica seconda vita” (PSV) su numerosi codici prodotto. Al di là di una strategia di lungo termine che attribuisce alla produzione sostenibile un’importanza costante, Poliblend by Ascend privilegia da tempo l’adozione di sistemi per l’eliminazione delle emissioni nocive.

Il futuro

Un simbolo emblematico della direzione che sta prendendo l’azienda è l’Ascend Performance Center: il nuovo centro europeo nato nell’unità produttiva di Mozzate (Como) per organizzare conferenze e incontri, sia in presenza che da remoto. Un hub che funge da scambio di idee, esperienze e culture fra le diverse aziende del gruppo, per favorire un’evoluzione davvero globale.

La recente installazione di nuove linee d’estrusione dedicate alla realizzazione di compound innovativi per il mercato europeo è una testimonianza di come Poliblend by Ascend sia orientata verso uno sviluppo crescente, sia sul piano quantitativo che tecnologico e organizzativo: una produzione mirata e attenta alle esigenze degli utilizzatori finali.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Ausiliari

Lati e Maag, insieme per crescere

Per decenni Lati ha prodotto e lavorato le materie termoplastiche ad alte prestazioni con macchine di sviluppo e produzione proprie. Successivamente si è affidata sempre

Congresso delle Materie Plastiche 2024

Compound su misura e sostenibili per l’automotive

Il settore automotive sta attraversando un periodo di cambiamento profondo nella progettazione e nello sviluppo di nuovi veicoli, condizionato prevalentemente dall’introduzione di nuove tecnologie di