Competenza nel colore per i contenitori riutilizzabili d’origine biologica

Condividi

Progetto ecosostenibile congiunto di Grafe, Ornamin e Tecnaro

Steffen Schubert, direttore vendite di Grafe per l’area D-A-CH (foto: Grafe)

Riutilizzabile, a base biologica e quindi rispettosa dell’ambiente: è la soluzione sostenibile in materiale plastico sviluppata dallo specialista dei masterbatch Grafe, insieme all’azienda biotecnologica Tecnaro e al produttore di stoviglie Ornamin. I contenitori riutilizzabili della serie 2Go sono perfetti per trasportare il cibo da asporto dai supermercati, dal panificio, dalla mensa aziendale o da casa. Gli alimenti possono essere trasportati senza traboccare e riscaldati nel microonde senza coperchio, mentre i recipienti possono essere lavati comodamente in lavastoviglie.

Le stoviglie 2Go di Ornamin sono realizzate in Arboblend, un biomateriale di Tecnaro a cui è stato assegnato più volte il riconoscimento Green Brand Germany. È costituito per il 94% da materie prime rinnovabili di origine vegetale e da cere, minerali e fibre naturali. Anche il materiale di supporto (matrice, o carrier) del masterbatch Grafe si basa su questo biomateriale.

“Proprio come per le materie plastiche utilizzate dal cliente, anche per i nostri masterbatch vengono utilizzati materiali di supporto Arboblend adatti allo scopo”, conferma Steffen Schubert, responsabile vendite di Grafe per l’area D-A-CH (Germania, Austria, Svizzera). “Rispetto alle matrici convenzionali, garantiamo così un’eccellente compatibilità tra i materiali utilizzati e una colorazione omogenea. Inoltre, sono anche di origine biologica e quindi rispettosi dell’ambiente”.

Sei colori pastello per più di 15 prodotti sostenibili

Questi contenitori riutilizzabili e a base biologica sono il frutto di un progetto congiunto di Grafe, Ornamin e Tecnaro (foto: Grafe)

Oltre ai classici colori bianco e nero, lo specialista dei masterbatch della Turingia colora il biopolimero per i vassoi riutilizzabili con un totale di sei tonalità pastello attualmente in produzione di serie, dal mora al petrolio, dal lino al color salvia (ma sono in via di sviluppo anche il verde oliva e il verde edera fresca).

“Attualmente stiamo convertendo la nostra gamma 2Go alla plastica a base biologica; presto saranno disponibili più di 15 prodotti in sei colori diversi ciascuno”, riferisce Milena von der Emde, azionista di Ornamin e responsabile di prodotto. “La nuova linea biologica di Ornamin convince per l’eccellente qualità e la sostenibilità. Siamo lieti della buona collaborazione con Tecnaro e Grafe per questo progetto”.

“Collaboriamo già da molti anni con Tecnaro e sviluppiamo insieme soluzioni in materiale plastico rispettose dell’ambiente basate proprio su Arboblend”, racconta Schubert. “Nel luglio del 2022 è arrivata la richiesta di Ornamin e così è nata l’idea delle vaschette e dei vassoi riutilizzabili di origine biologica”. Lavorando insieme a questo progetto, tutte e tre le aziende sottolineano il loro impegno verso una gestione sostenibile delle risorse e contro gli sprechi causati dai prodotti usa e getta.


Sfoglia la rivista

  • n.5 - Giugno 2024
  • n.4 - Maggio 2024
  • n.3 - Aprile 2024


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare