Anno da record per Piovan, che rinnova anche i propri vertici

Condividi

Lo scorso 21 marzo il CdA del Gruppo Piovan ha approvato il bilancio d’esercizio per il 2022, anno che ha visto il consolidamento di IPEG, gruppo statunitense titolare dei quattro marchi Conair, Thermalcare, Pelletron e Republic Machine, la cui acquisizione era stata perfezionata da Piovan nel febbraio del 2022.

“Nonostante il complicato scenario globale, ancora una volta il nostro gruppo consolida un altro anno di crescita, con un fatturato che supera i 500 milioni di euro, un organico di più di 1800 collaboratori e un Adjusted EBITDA in aumento del 53%”, ha affermato il presidente esecutivo Nicola Piovan

Ben 531,4 milioni i ricavi: + 85,1% rispetto al 31 dicembre 2021; +13,5% a parità di perimetro di consolidamento ed escludendo poste non ricorrenti. L’Adjusted EBITDA consolidato (utile operativo lordo) è invece pari a 62,7 milioni di euro, in aumento del 53% rispetto al 2021. Il risultato netto consolidato è di 40,6 milioni di euro (+46,5% rispetto al 2021), mentre l’utile d’esercizio è pari a 34,8 milioni di euro, in aumento rispetto ai 27,7 milioni dell’anno precedente.

“Nulla di tutto questo sarebbe possibile se il Gruppo Piovan non avesse continuato a impostare la propria strategia sui suoi tre storici pilastri fondamentali: i clienti, le persone e l’innovazione. Mai come in quest’anno la combinazione di questi tre elementi ha prodotto risultati eccellenti in ogni campo. Ma la nostra strategia non può prescindere da un quarto elemento trasversale, ovvero il focus sulla sostenibilità”, ha dichiarato Nicola Piovan, presidente esecutivo di Piovan.

L’importante produttore di biopolimeri NatureWorks ha premiato Piovan per un ordine rilevante relativo all’automazione di un suo nuovo impianto in Tailandia, con capacità produttiva di 75000 t/a, come spiegato da Filippo Zuppichin, AD di Piovan

“I riconoscimenti ricevuti nel 2022 nell’ambito della sostenibilità ci rendono orgogliosi. In primis, con il miglioramento del nostro rating di sostenibilità e con l’ottenimento del prestigioso “2023 Industry Top Rated” badge. Seguito poi dall’award da parte di NatureWorks per l’automazione di un impianto in Tailandia per PLA con capacità produttiva di 75000 t/anno, ottenuto tramite la controllata Pelletron. Grazie a questo e ad altri ordini, i nostri ricavi nel segmento economia circolare crescono di oltre il 20%”, ha aggiunto Filippo Zuppichin, amministratore delegato di Piovan.

 

I ricavi del Gruppo Piovan

I ricavi dell’area Plastic di Piovan sono cresciuti del 13,2% rispetto al 2021, con una considerevole performance in Europa e Asia. Tali ricavi sono distribuiti in generale in tutti i segmenti, ma, in particolare, nel packaging, in cui il gruppo è leader mondiale e attivo nella riconversione verso i polimeri riciclati, nel consumer & technical, con il settore fibra sintetica in evidenza, e nell’automotive, in leggera ripartenza grazie agli investimenti nei modelli elettrici.

L’area Food & non-Plastic ha fatto segnare un + 9,1%, sostenuto da importanti commesse nordamericane. Services: + 12,9% dei ricavi, con un significativo contributo dal segmento packaging.

L’apporto di IPEG è stato determinante in tutti i business, contribuendo per 151,3 milioni di ricavi per l’area Plastic, 15,7 per quella Food & non-Plastic e 35,9 per quella Services.

A parità di perimetro, si evidenzia una crescita distribuita dei ricavi su tutte le aree geografiche, con una sostanziale stabilità nella regione EMEA. Includendo i risultati ascrivibili a IPEG, le performance migliorano ulteriormente in tutte le regioni, con il mercato nordamericano che diventa quello di riferimento contribuendo per il 52,5% dei risultati totali, seguito da quello di EMEA (35,7%), Asia (8,5%) e Sud America (3,4%).

Oltre a puntare al proprio sviluppo nell’ambito dell’economia circolare, Piovan investe ormai da anni nella digitalizzazione 4.0

Nuove società e filiali commerciali

Oltre all’acquisizione di IPEG, nel corso del 2022 il gruppo ha costituito una nuova società in Cina, Piovan Industrial Automation, al fine di realizzare un nuovo stabilimento nel paese, che costituirà anche l’headquarter per tutte le filiali del gruppo in Asia. È da sottolineare anche come, in termini di ulteriore espansione geografica, il 6 gennaio 2023 il gruppo abbia costituito una nuova filiale commerciale in Indonesia – PT Piovan Technology Indonesia – per poter servire localmente e in maniera sempre più diretta i clienti di tale Paese.

Nei primi giorni di marzo, inoltre, il Gruppo Piovan ha annunciato l’acquisizione degli asset delle divisioni Material Handling, Dosing e Recycling della società tedesca Protec Polymer Processing, ampliando così la propria presenza in Germania, uno dei suoi mercati di riferimento in Europa. L’operazione avverrà attraverso la controllata FDM, col triplice scopo di aumentare le attività e i servizi post vendita, offrire ai clienti aggiornamenti e retrofit dei vecchi sistemi di Protec con nuove soluzioni Piovan e supportare i clienti comuni nella situazione di difficoltà causata dalla procedura fallimentare di Protec.

In aggiunta a tutto questo, nel campo dell’innovazione la società ha stipulato un accordo con l’Agenzia delle Entrate, detto “Patent Box”, per l’agevolazione fiscale riguardante l’utilizzo diretto dei propri software, brevetti industriali e know-how tra loro collegati secondo un vincolo di complementarità. Tale agevolazione consente la parziale detassazione del reddito derivante dall’utilizzo diretto degli asset intangibili di Piovan.

“Sono certo che, insieme, riusciremo a posizionare al meglio l’organizzazione per continuare a crescere in modo strutturale, profittevole e sostenibile”, ha detto il nuovo Chief Commercial Officer, Felice Meliti

Evoluzione prevedibile della gestione

Il Gruppo Piovan è presente in diverse aree geografiche e in settori diversificati. Ciò mitiga il rischio legato all’attuale crisi geopolitica e permette di guardare al futuro positivamente. Si prevede la tenuta di settori resilienti, come medicale e packaging flessibile, e un miglioramento dell’automotive. Focus del gruppo nel breve-medio periodo sarà l’integrazione di IPEG e il consolidamento della posizione di leadership in tutto il mondo.

La normativa europea è sempre più orientata all’uso di polimeri riciclati o compostabili, ciò rappresenta per Piovan un’importante opportunità di vendita delle tecnologie sviluppate negli ultimi anni finalizzate all’automazione, al trattamento e allo screening delle plastiche riciclate e compostabili. L’azienda stima che oltre il 25% delle automazioni vendute nei settori di packaging, fibre e riciclo siano utilizzate per l’uso di materiale riciclato (percentuale che non include il contributo di IPEG). Inoltre, dal 2006 al 2022 il gruppo ha realizzato più di 350 impianti per il riciclo delle materie plastiche e migliaia di impianti che permettono di produrre nuovi manufatti anche con polimeri riciclati.

Mariella De Michiel ha assunto il ruolo di HR & Organization Director in sostituzione di Marco Mammano, promosso CEO Europe

Novità ai vertici del gruppo

Tre nuovi volti per ruoli dirigenziali confermano con i fatti la strategia di Piovan Group. La rapida espansione dell’azienda veneta e gli obiettivi ambiziosi di crescita territoriale, internazionale e di settore hanno infatti richiesto il rafforzamento della direzione commerciale, risorse umane e Food & Powder.

Innanzi tutto, Felice Meliti è il nuovo Chief Commercial Officer (CCO), responsabile dell’organizzazione commerciale e del marketing globale dell’intero Gruppo Piovan. Meliti svolgerà un ruolo chiave nel plasmare ed espandere la crescita dell’azienda, supportando il comitato esecutivo. Laureato in Ingegneria Aerospaziale presso l’Università di Pisa, in precedenza Meliti ha ricoperto ruoli dirigenziali crescenti in importanti aziende multinazionali come GE, Vestas e Saipem, con vari incarichi internazionali. “Sono entusiasta di entrare a far parte del Gruppo Piovan in un momento così emozionante e di lavorare con i colleghi di tutto il mondo per espandere ulteriormente il successo internazionale dell’azienda”, ha dichiarato Felice Meliti.

Alessandro Sala, CEO della divisione Food & Powders

Mariella De Michiel ha invece assunto il ruolo di HR & organization director, in sostituzione di Marco Mammano, che è stato promosso CEO Europe. Prima di entrare in Piovan, De Michiel ha ricoperto ruoli sempre nell’ambito delle risorse umane in diverse multinazionali, iniziando il suo percorso in General Electric, proseguendo in Wavin Italia, in Air Liquide e infine in Lincoln Electric. “I valori del gruppo Piovan mettono al centro i clienti, le persone e l’innovazione, e dunque la crescita e lo sviluppo dei dipendenti che, insieme alla formazione con la nostra Accademy, saranno al centro della mia attività”, ha affermato Mariella De Michiel.

Alessandro Sala ha infine assunto il ruolo di CEO della divisione Food & Powders, occupandosi della gestione e della crescita dell’intero business. Laureato in Ingegneria Meccanica, dopo alcune esperienze in area tecnica, ha intrapreso la sua carriera in ambito commerciale fino a diventare general manager in Ing. Ferrari. “Intraprendo con grande entusiasmo la nuova avventura in Piovan Group, determinato a traguardare gli obiettivi definiti. I tre pilastri della filosofia di gruppo, unitamente alla passione e alla tenacia, sono i valori che mi hanno guidato anche nel mio percorso professionale”, ha concluso Sala.


Sfoglia la rivista

  • n.2 - Marzo 2024
  • n.1 - Febbraio 2024
  • n.8 - Novembre 2023


RSS Notizie da Meccanicanews


RSS Notizie da Il Progettista Industriale


Ti potrebbero interessare

Componenti

Rondelle di contrasto e ugelli stampati in 3D

Con Monolith® ed Energy Blocker®, Ermanno Balzi (stand C42, pad. 36, alla fiera Mecspe) presenta due prodotti di spicco dell’azienda tedesca Witosa, di cui è

Ausiliari

Soluzioni di successo per i tubi da drenaggio

Nota a livello internazionale per la produzione d’impianti per profili in plastica, dal 2012 Baruffaldi Plastic Technology progetta e costruisce anche macchine di fine linea