Un’alternativa bio per la poliammide12

0
341

Nei primi mesi di quest’anno, Evonik Industries ha avviato un impianto pilota per la produzione di acido laurico (ALS) a Slovenska Lupca, in Slovacchia. L’investimento è un ulteriore passo avanti dell’azienda verso la produzione di materie plastiche sostenibili ad alte prestazioni.

L’acido laurico di derivazione biologica si propone come alternativa del laurolattame di origine petrolchimica (LL). L’ALS, infatti, sostituisce il monomero LL nella produzione di materie plastiche ad alte prestazioni ecologiche, come precursore della poliammide 12 (PA 12) con identiche proprietà. Il processo biotecnologico si basa su fonti rinnovabili: il materiale di partenza è l’olio di palma, già utilizzato da Evonik come base per vari prodotti chimici.

L’impianto pilota, frutto di un’intensa attività di ricerca, consente di avviare le attività di sviluppo di processo su scala industriale. Il nuovo processo, nel lungo periodo, disporrà del potenziale sufficiente a integrare la produzione di PA12 da butadiene.

Grazie alla pianificazione di un secondo impianto tradizionale per la produzione di PA12 di origine petrolchimica a Singapore, Evonik gode di una posizione ottimale per imporsi come leader tecnologico e di mercato globale per questo segmento. «A lungo termine, questa nuova materia prima alternativa ridurrà la nostra dipendenza dalle sempre più scarse risorse fossili, garantendo un secondo punto d’appoggio alla nostra produzione integrata verticalmente», ha dichiarato Gregor Hetzke, direttore della divisione Performance Polymers di Evonik.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here