RadiciGroup agli Stati Generali della Green Economy 2014

0
302

0103c18

RadiciGroup, intervenuto agli Stati Generali della Green Economy 2014 ha portato la propria esperienza nell’ambito della sperimentazione della PEF. Una metodologia di calcolo dell’impronta ambientale di prodotto introdotta nel 2013 dalla Commissione Europea e adottata da RadiciGroup come riferimento per la comunicazione delle proprie prestazioni ambientali. L’evento, tenutosi a Ecomondo il 5 e 6 novembre, si è prefisso di mettere a fuoco le politiche e le misure per sostenere lo sviluppo delle imprese italiane della green economy. Sette le sessioni tematiche di approfondimento e consultazione affrontate: l’agroalimentare di qualità, il capitale naturale, ecoinnovazione e competitività delle imprese italiane, l’economia del riciclo dei rifiuti, energia e clima, gestione sostenibile della risorsa idrica, dalla carbon footprint all’environmental footprint. RadiciGroup, intervenuto durante la settima sessione, quella della carbon footprint, ha portato la propria esperienza nell’ambito della sperimentazione della PEF. Una metodologia di calcolo dell’impronta ambientale di prodotto introdotta nel 2013 dalla Commissione Europea e adottata dal Gruppo bergamasco come riferimento per la comunicazione delle proprie prestazioni ambientali.

alini_radici
Stefano Alini, Corporate Quality Manager di RadiciGroup

Le tappe del “programma PEF”
Nel luglio 2013, Radici Chimica SpA (realtà industriale di RadiciGroup attiva nella produzione di polimero di PA6.6 e suoi intermedi) sigla un accordo volontario con il Ministero dell’Ambiente Italiano, partecipando al programma di collaborazione tra Ministero e imprese per la promozione della riduzione delle emissioni e la diffusione di modelli sostenibili di produzione e consumo. L’oggetto dell’accordo è quello di valutare, misurare e quantificare, utilizzando la metodologia PEF, la riduzione dell’impatto ambientale della poliammide 6.6 e dei suoi intermedi, ottenuta a seguito della realizzazione di impianti di abbattimento delle emissioni presso lo stabilimento di Novara.
«Nella nostra relazione abbiamo illustrato i risultati di riduzione delle emissioni utilizzando le categorie di impatto previste dalla metodologia PEF» ha commentato Stefano Alini, Corporate Quality Manager di RadiciGroup. «Ci siamo focalizzati sull’applicazione concreta di questa metodologia per valutare le modalità di applicazione, considerare le difficoltà che devono essere ancora superate per renderla più facilmente fruibile agli utilizzatori e soprattutto sui risultati ottenuti per rendere efficace la comunicazione della politica di sostenibilità che stiamo portando avanti da anni».
Nelle sue conclusioni Alini ha riportato alcuni dei principali risultati della sperimentazione PEF: «Le modifiche impiantistiche realizzate all’interno di Radici Chimica, sugli impianti per la produzione di acido nitrico e acido adipico, hanno portato ad una riduzione significativa delle emissioni di gas ad effetto serra (GHG). Confrontando i valori 2011 con quelli registrati nel 2014, parliamo di una riduzione di GHG pari al 63% nel caso del nitrico e del 33% per quanto riguarda l’adipico. Ma l’approccio PEF consente di evidenziare i miglioramenti significativi anche di altri indicatori, come l’acidificazione, l’eutrofizzazione terrestre o la formazione di ozono fotochimico e dimostrare che non ci sono stati impatti negativi su altre matrici ambientali».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here