Veloce e precisa per lo stampaggio tecnico

0
387

Precisione ed economicità. Questo il focus dell’isola di lavoro che il costruttore di presse a iniezione austriaco Engel presenterà a Eurostampi 2013 (Parma 21-23 marzo). Il progetto, sviluppato in collaborazione con Moretto, Frigel, Leonardi e Persichetti, prevede lo stampaggio in soli 7 secondi di anelli distanziatori in poliammide altamente cristallina con una Engel e-mac 310/100 (nel link tutta la documentazione tecnica). Un tempo di ciclo del 20% inferiore a quello richiesto da una pressa a iniezione idraulica. La macchina è attrezzata con uno stampo a quattro impronte costruito da Persichetti, con attrezzature per la gestione dei materiali di Moretto e con tecnologia di refrigerazione Frigel. Il polimero è invece fornito dal distributore marchigiano Leonardi.

“La e-mac ha stabilito nuovi standard di riferimento nella fabbricazione di componenti tecnici – spiega Maurizio Ferrari, direttore commerciale di Engel Italia –. L’alta precisione della macchina garantisce infatti una qualità costante e molto elevata dei manufatti prodotti e, di conseguenza, anche una maggiore produttività”.

Dalle fasi di iniezione e dosaggio ai movimenti dello stampo e dell’estrattore, tutti gli azionamenti presenti nella pressa sono di tipo servo-elettrico, al fine di garantire la massima precisione e stabilità di processo possibile e, al contempo, ottimizzare l’efficacia della macchina nel suo complesso.

“Gli azionamenti sono comandati da un sistema di movimentazione degli assi all’avanguardia, che integra un circuito intermedio stabilizzato. L’energia di frenata viene recuperata e reimmessa nel circuito di alimentazione per garantire un eccellente livello di efficienza energetica. I movimenti sincroni degli assi di azionamento assicurano tempi di ciclo rapidi: con un’accelerazione superiore a 20 m/s² sull’asse di iniezione, la e-mac rappresenta attualmente la macchina più veloce al mondo nel suo genere” conclude Maurizio Ferrari.

Articoli correlati – Grandi e “back to back” – Superfici che comunicano – “Extralarge” per ecologia

© Tecniche Nuove – Riproduzione riservata

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here