Oscar 2014: cambia la formula

0
444

TetraTop

Scompaiono le categorie merceologiche: quest’anno solo cinque premi agli imballaggi più innovativi

L’Oscar dell’Imballaggio, nell’edizione 2014 dedicato al Quality Design, ha premiato nel corso della Design Week di Milano cinque packaging sviluppati e prodotti in Italia negli ultimi due anni, o in fase di avanzata industrializzazione, selezionati per contenuto innovativo, funzionalità e sostenibilità ambientale in una rosa di quindici finalisti. Tenendo anche conto del tema di quest’anno, legato alla qualità progettuale “riferita all’equilibrio e all’armonizzazione delle dimensioni comunicative, strutturali e funzionali”.
Per la prima volta, la Giuria ha avuto una maggiore libertà di azione, essendo stata abolita la rigida suddivisione in categorie per destinazione d’uso dell’imballaggio. Inoltre, ai due premi speciali Ambiente e Tecnologia sponsorizzati da Conai e Ipack-Ima, si aggiunto il premio speciale Over All attribuito dalla Giuria.

Effetto seconda pelle
Dei cinque packaging selezionati per il podio, tre hanno come protagoniste le materie plastiche e una di queste ha potuto fregiarsi del premio speciale Over-all. Si tratta di Criovac Darfresh Fresh+ sviluppato da Sealed Air, un sistema per il confezionamento di carni fresche porzionate in modo da poter consumare un pezzo alla volta, riponendo gli altri nel frigorifero o nel congelatore, con un allungamento della shelf-life complessiva.

Le confezioni mono porzione e multipack, dotate di apertura facilitata, sono ermetiche e mantengono inalterate le caratteristiche del prodotto. Nel caso delle carni, il processo di frollatura continua nella confezione, migliorandone la tenerezza. L’effetto “seconda pelle” dei film barriera rispetta i contorni del prodotto e consente di esporre il prodotto anche in posizione verticale, aumentandone la visibilità sullo scaffale.

Più facile il riciclo
Tetra Top con Separable Top di Tetrapak Italiana ha conquistato l’Oscar nella Sezione Speciale Ambiente.

L’idea vincente è facilitare la riciclabilità della confezione mediante una fustellatura che consente di separare facilmente la calotta dal corpo del contenitore, così da poter destinare i diversi materiali alla raccolta differenziata dei rifiuti domestici: cartone e plastica. Per il distacco è sufficiente una pressione del pollice lungo la linea pretagliata che corre intorno alla confezione.

Cinque strati di gusto
illycaffèPlastica protagonista anche di Refilly 200gr, busta da 200 grammi con la ricarica di caffè per il barattolo in latta da 250 grammi del caffé Illy, che consente di mantenere inalterati gusto e la fragranza del blend senza inutili sprechi. L’innovazione, in questo caso, risiede nell’impiego di un poliaccoppiato a cinque strati in polipropilene e alluminio, il primo di questo tipo in grado di garantire la pressurizzazione. Una volta riempito il barattolo, le buste possono essere riciclate insieme ai rifiuti plastici.

Il tappo che suona
Un Oscar è stato assegnato anche al sistema di chiusura per vino Helix messo a punto da O-I Sales and Distribution Italy in collaborazione con Amorim e O-I, dove il tappo in sughero è stato disegnato in modo tale da abbinarsi con il collo della bottiglia, opportunamente scanalato per facilitarne l’apertura e la chiusura senza bisogno del cavatappi, pur mantenendo il tipico suono della stappatura. Soluzione studiata in modo particolare per i mercati di esportazione, dove la presenza di un cavatappi in cucina non è sempre scontata.

La lattina con gli spigoli
L’ultimo premio, dedicato questa volta alla Tecnologia, è stato assegnato a New Box per la lattina da 75 cl Twist Can destinata al confezionamento di bevande piatte o in pressione. Si tratta di una confezione in tre pezzi, interamente in acciaio, di cui il 56% da riciclo, dotata di tappo richiudibile e base quadrata per facilitare trasporto, stoccaggio ed esposizione a scaffale.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here