La Commissione europea ne conferma l’efficacia

0
367

Secindo una nota diffusa oggi da CEFIC, la revisione del regolamento REACh a opera della Commissione europea conferma che l’iter del complesso normativo sui prodotti chimici più imponente e costoso al mondo sta funzionando.

La revisione, tuttavia, riguarda solo la prima delle tre fasi, cioè il periodo che ha coinvolto soprattutto le grandi imprese. La relazione chiarisce che nelle fasi successiva migliaia di piccole e medie imprese, che non hanno dimistichezza con la legislazione, dovranno affrontare una grande sfida per risultare conformi a quanto il Regolamento richiede. I costi delle imprese per adeguarsi hanno già superato le stime dell’UE, e le pmi avranno bisogno di sostegno per non soccombere all’adeguamento del nuovo sistema regolatorio.

Secondo Hubert Mandery, direttore generale Cefic, “Finora il REACh ha funzionato grazie all’impegno di tutti gli attori coinvolti. Non c’è pertanto alcuna necessità che venga modificato”.

Secondo uno studio di Eurostat, il Regolamento è un buon provvedimento a tutela della salute e dell’ambiente e, in particolare, per la diffusione delle informazioni sulle sostanze. “Tuttavia – sottolinea Hubert Mandery – non sappiamo ancora se l’adozione del Regolamento arriverà a compimento consentendo all’industria di mantenere il proprio tasso di innovazione e di competitività, ma è chiaro già da ora che le imprese operanti in Europa saranno doppiamente colpite rispetto ai concorrenti stranieri, in quanto dovranno pagare l’intero costo di dossier che la concorrenza nel resto del mondo avrà a disposizione gratuitamente”.

Sarebbe opportuno che la Commissione europea, nel monitorare l’iter del REACh, considerasse questi aspetti con la dovuta attenzione. E il Vice Presidente della Commissione Tajani è ben consapevole della necessità di mantenere equilibrio tra gli effetti positivi del Regolamento sulla salute dell’uomo e dell’ambiente e la competitività delle imprese.

L’industria chimica europea considera il REACh fondamentale per la regolamentazione della sicurezza dei prodotti, e per questa ragione si impegna affinchè sia adottato pienamente e con successo. Tutta la relativa normativa deve però essere allineata al REACh e si devono assolutamente evitare aggravi normativi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here