HP lancia Metal Jet, la nuova stampante 3D per metalli. Volkswagen già pensa di utilizzarla

0
141

Dopo essere entrata nel segmento della stampa 3D delle materie plastiche, HP ora punta sul metallo con la nuova HP Metal Jet, lanciata in anteprima pochi giorni fa. La tecnologia promette una produttività fino a 50 volte superiore e un costo significativamente inferiore rispetto ad altri metodi di stampa 3D. Le implicazioni sono ovviamente enormi se si pensa non solo ai miliardi di parti metalliche prodotte ogni anno, ma anche ai vantaggi economici legati alla possibilità di ripensare completamente il modo di progettare e produrre.

Le prestazioni più elevate – secondo il produttore – risiedono in un ciclo di funzionamento che può produrre in massimo cinque ore componenti od oggetti del volume massimo di 430 x 320 x 200 millimetri, con una risoluzione di 20 x 20 x 50 micron. Un risultato ottenuto grazie a una ridondanza degli ugelli quattro volte superiore, il doppio delle barre di stampa e un utilizzo del legante significativamente inferiore in rapporto al peso.

HP Metal Jet inizierà a essere disponibile a partire dal 2020 per i componenti in acciaio inox, garantendo loro proprietà isotropiche pari o superiori agli standard di settore ASTM e MPIF. Tra i primi a mettere le mani sulla stampante c’è Volkswagen, che sta pensando di utilizzarla per la produzione di massa di pezzi personalizzabili, come portachiavi individualizzati e targhette.

Sul fronte della produzione, HP ha già stretto nuove partnership con GKN Powder Metallurgy e Parmatech per produrre parti Metal Jet per Volkswagen, Wilo e altre aziende.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here