Da UCISAP segnali positivi per gli stampi

0
551

giurgola

Stando a quanto riportato da Giovanni Corti, neo-direttore generale Ucisap, all’ultimo convegno dell’Associazione, gli stampi per plastica e lamiera hanno guadagnato terreno consolidando la posizione di vertice del made in Italy nel mondo. Dall’intervento, basato su quanto reso noto dalla sigla internazionale di settore Istma, è emerso che, alla fine del 2012, annata alla quale fanno riferimento le statistiche più aggiornate, gli stampi per plastica e gomma hanno archiviato 1,7 miliardi di fatturato sui quali le esportazioni hanno influito per il 42%. Vendite internazionali al 50% sono invece quelle registrate dal segmento degli stampi per lamiera i cui valori di produzione sono stati pari a 380 milioni di euro. Tutte queste cifre hanno consentito a Corti di ipotizzare che l’industria e il mercato tricolori stiano tornando ai livelli economici che li caratterizzavano all’inizio dello scorso decennio.

E di corroborare così quell’ottimismo che il presidente di Ucisap Lino Pastore considera condizione essenziale per continuare a competere in un panorama complicato da fiscalità e incertezze su diritto e politica. Secondo Pastore tuttavia la strada che gli stampisti hanno dinanzi a sé per progredire ulteriormente è lunga e prevede ulteriori sforzi in materia di comunicazione e web marketing, ma anche di formazione tecnica, oltre che naturalmente nell’ambito dell’innovazione di processo e di prodotto. Necessario è anche che gli stampisti acquisiscano una maggiore massa critica per affacciarsi con un potere contrattuale più solido alle trattative coi clienti, specie su scala internazionale. Per imprese di dimensione piccola e media come le loro questo significa però scommettere su modelli aggregativi come quello delle reti di impresa. E implica, in linea con un’argomentazione cara al presidente, un confronto continuo fra professionisti, la scelta di «uscire dai cancelli delle attrezzerie per affrontare il cambiamento e cavalcarlo, consci della nostra forza e qualità» e attivando infine partnership.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here