Contributi per chi forma i dipendenti sulle tecnologie Industria 4.0

0
737

Una delle novità previste dalla Legge di Bilancio 2018 in tema di Industria 4.0 riguarda la possibilità di agevolare il costo dei dipendenti in formazione. Il contributo, che ammonta al 40% delle spese relative al costo aziendale del personale dipendente, viene erogato come credito di imposta. Le attività formative dovranno essere svolte per acquisire o consolidare le conoscenze delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0; non saranno ammissibili le attività riconducibili alla formazione ordinaria o periodica. Il credito di imposta, riconosciuto fino a un importo massimo annuale di 300.000 euro per ciascun beneficiario, è compensabile con quanto l’impresa deve versare tramite F24.

Un contributo per tutte le imprese

L’agevolazione può essere utilizzata da tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato. Le attività di formazione dovranno essere concordate attraverso contratti collettivi aziendali o territoriali. Il contributo verrà concesso in maniera automatica e dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui sono state sostenute le spese. Non concorrerà alla formazione del reddito, né della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive e sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione.

Spese per l’attività di certificazione contabile

Le imprese dovranno predisporre un’apposita documentazione contabile, che dovrà essere certificata dal soggetto incaricato della revisione legale o dal collegio sindacale o da un professionista iscritto nel Registro dei revisori legali. Il revisore legale dei conti o il professionista responsabile della revisione legale dei conti, nell’assunzione dell’incarico, dovrà osservare i principi di indipendenza, ai sensi dell’articolo 10 del decreto legislativo n. 39 del 2010. Anche le spese sostenute per l’attività di certificazione contabile sono ammissibili a contributo. L’importo massimo ammissibile è di 5.000 euro, come per il credito di imposta alla ricerca. Le imprese con Bilancio certificato saranno esenti da ulteriori certificazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here