Consulenze: contributi a fondo perduto fino all’80%

0
408

Tra le agevolazioni per l’acquisizione di servizi di consulenza specialistica troviamo i contributi a fondo perduto fino a 65mila euro per l’acquisizione di consulenze finalizzate allo sfruttamento industriale e commerciale di modelli e disegni. Sono finanziabili le spese sostenute per l’acquisizione dei servizi di ricerca sull’utilizzo dei nuovi materiali; realizzazione di prototipi e stampi; per consulenze tecniche e legali relative alla catena produttiva; per consulenza specializzata nell’approccio al mercato e le spese per l’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale.
Per la sola commercializzazione, l’importo massimo agevolabile scende a 15mila euro. Un contributo a fondo perduto può essere richiesto anche per consulenze relative ai brevetti nell’ambito del de minimis fino a massimo di 70mila euro. Sono finanziabili i servizi di industrializzazione e ingegnerizzazione; i servizi per organizzazione e sviluppo e il trasferimento tecnologico. Sono ammissibili le spese fatturate, successivamente alla data di invio della domanda.

Inoltre, sono previsti premi per la registrazione di marchi e per la registrazione di brevetti. Nel caso dei marchi sono finanziabili la registrazione di marchi comunitari presso UAMI e di marchi internazionali presso OMPI. L’importo dell’agevolazione va da 4mila a 6mila euro. Nel caso in cui la designazione interessi i Paesi Russia e/o Cina l’agevolazione sarà pari al 90% delle spese ammissibili sostenute. Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione fino a esaurimento delle risorse disponibili e fino al raggiungimento del valore complessivo di 15mila euro. I bandi sono aperti fino a esaurimento dei fondi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here