BMB torna a Mecspe in partnership con Star Automation, Plastic Systems e Blauer

0
895

Il costruttore bresciano di presse a iniezione BMB ripropone a Mecspe 2018 la partnership collaudata l’anno scorso a Parma con il fornitore di sistemi di automazione Star Automation Europe e i produttori di attrezzature ausiliarie Plastic Systems e Blauwer.

Pressa elettrica per il packaging

Al centro dell’isola di stampaggio spicca la pressa elettrica BMB eKW16pi/700 Full Electric, con chiusura a ginocchiera, compatta nelle dimensioni e bilanciata nella potenza, con una forza di 160 tonnellate, che esalta la dinamica dell’azionamento. I pezzi, coperchi per packaging in LLDPE da 4,9 grammi, vengono infatti prodotti con un tempo di ciclo inferiore a 4 secondi su uno stampo a 8 cavità. Del resto, la macchina è progettata per cicli veloci di articoli a pareti sottili, non solo in termini di precisione e risparmio energetico, ma anche per solidità strutturale e affidabilità, due fattori critici nel mondo del packaging. Grazie al controllo avanzato, la pressa è pronta per l’interconnessione di automazioni e attrezzature ausiliarie in ottica Industria 4.0, come per altro dimostrato a Mecspe attraverso l’integrazione di robot, deumidificazione e termoregolazione.

Robot cartesiano per cicli rapidi

L’automazione dell’isola è stata interamente curata da Star Automation Europe. Per estrarre i pezzi dallo stampo e trasferirli al pallettizzatore verticale (1.000 mm), che provvede all’impilaggio su nastro trasportatore con croupier per scarto su scivolo al cambio di colore, è stato selezionato un robot veloce (ciclo di estrazione a vuoto 0,71 s) con ingresso dall’alto Fx-1000 (corse X=1.800 mm, Z=1.000 mm, Y=680 mm) dotato di controllore STEC-520. Quest’ultimo garantisce la piena integrazione in chiave Industria 4.0 per quanto concerne monitoraggio della produzione e controllo da remoto. Nell’isola allestita a Mecspe, le schermate per la gestione del robot vengono mostrate direttamente sul pannello operatore della pressa, con possibilità di visualizzare e modificare i parametri di lavoro da un unico punto, senza dove passare ogni volta dal display della pressa alla tastiera del robot.

Dosatore gravimetrico multifunzione

L’alimentazione dei granuli alla pressa è affidato al dosatore gravimetrico multi stazione serie DGB di Plastic Systems, capace di provvedere alla masterizzazione del manufatto stampato in tre diverse colorazioni. I quattro componenti sono alimentati alla macchina attraverso il sistema Easy Matrix, capace di gestire fino a 10 ricevitori con l’ausilio di un’unica unità aspirante dotata di filtro centralizzato e pulizia integrata. Come tutte le macchine Plastic System, il dosatore gravimetrico DGB può essere interfacciato via porta seriale: visualizzazione dei parametri, ottimizzazione del processo e settaggio delle ricette possono così essere gestiti sia da locale che da remoto. Il sistema offre numerose funzioni quali gestione e certificazione dei lotti di produzione, tracciabilità della materia prima, controllo stoccaggio, distribuzione e utilizzo del materiale, manutenzione programmata. Infine, grazie al sistema di diagnostica remotabile WRD (Web remote Diagnostic) il dosatore può essere monitorato dal centro assistenza del costruttore in modo semplice e veloce, opzione che può essere attivata per tutte le attrezzature prodotte dall’azienda veneta.

Termoregolazione dello stampo

L’isola allestita a MecSpe si avvale anche di un termorefrigeratore Blauwer WTC 12/2T6 della serie Conwer, capace di regolare due diverse temperature sullo stampo, nell’intervallo tra +5 °C e +90 °C; garantendo elevata flessibilità e per quanto concerne i materiali trasformati. La centralina presenta un nuovo controllore programmabile con diverse opzioni di funzionamento, tra cui regolazione automatica della portata, differenziale di pressione e di temperatura del fluido attraverso lo stampo e free-cooling per il recupero di energia nel periodo invernale.
A completamento dell’impianto, è presente un sistema anticondensa stampo a basso consumo energetico con recuperatore energetico a flussi incrociati Blauwer serie Recuwer. L’aria viene essiccata a una temperatura di rugiada di +4 °C/+5 °C, distribuita sulla superficie dello stampo per evitare fenomeni di condensa. Da segnalare che l’energia consumata nel processo è pari a circa un terzo di rispetto alle macchine a rotore. Il sistema è completato da un refrigeratore condensato ad aria ad alta efficienza Chillwer AIC 20P.

Supervisione dellle macchine e della produzione

Per mostrare ai visitatori le potenzialità Industria 4.0, nei pressi dell’isola è installato un totem informativo dotato del software Moulding Monitor di Gruppo Sistema. Questo pacchetto abilita la comunicazione integrata con le macchine, ricevendo centralmente i dati di produzione, aggiornati in tempo reale. Le informazioni provenienti dal reparto di stampaggio possono essere monitorate da remoto e memorizzate per successive elaborazioni a fini sia operativi sia statistici, per poi essere archiviate nel sistema informativo aziendale. Da un unico “cruscotto” l’operatore è in grado di visualizzare tutte le macchine interconnesse al sistema con il relativo stato, le informazioni di produzione e tutti i parametri di controllo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here